Video Center
Bookmark and Share
By Valerio Baselli| 5-9-2018 12:00 AM

Bond, il rendimento sta nei corporate

Secondo Massimiliano Maxia (Allianz GI) le banche centrali proseguiranno spedite nel percorso di normalizzazione delle politiche monetarie. I titoli governativi rendono poco ma sono utili in fasi volatili. E i green bond sono destinati a guadagnare terreno.

Link Correlati

Valerio Baselli: Buongiorno e benvenuti. Sono Valerio Baselli, ci troviamo al Samone del Risparmio 2018 e sono in compagnia di Massimiliano Maxia, Fixed-income product specialist di Allianz Global Investors. Buongiorno.

Massimiliano Maxia: Buongiorno, grazie.

Baselli: Dunque, sicuramente per chi investe nel mercato obbligazionario, trovare valore nel contesto attuale è piuttosto complicato. Dove vedete attualmente le migliori opportunità d’investimento all’interno dell’universo del reddito fisso?

Maxia: Siamo in un contesto obbligazionario complesso, però direi che il quadro macroeconomico rimane assolutamente di supporto. Anzi, per la prima volta dopo tanto tempo vediamo una crescita economica globale sincronizzata, vanno bene gli Usa, l’Europa e complessivamente anche i mercati emergenti, a cominciare dalla Cina. In questo contesto, crediamo soprattutto che nelle obbligazioni societarie, che hanno rendimenti superiori rispetto alla componente governativa, ci siano ancora delle opportunità d’investimento interessanti, direi a livello globale.

Credo che sarà sempre più importante selezionare i titoli giusti, i settori giusti, per trovare ogni volta le migliori opportunità di rendimento che nel mercato obbligazionario si presentano. La componente governativa presenta in effetti dei rendimenti molto bassi complessivamente, però è altrettanto vero che nelle fasi di volatilità dei mercati, come quella che abbiamo visto nel corso delle ultime settimane, anche essere investiti in titoli governativi può dare un certo tipo di ritorno, quindi serve diversificazione e serve una gestione attiva.

Baselli: Le banche centrali sono state assolute protagoniste sui mercati nel corso degli ultimi anni. Cosa vi aspettate in questo senso?

Maxia: Pensiamo che il processo di normalizzazione delle politiche monetarie sia in atto e difficilmente verrà fermato. La Fed continuerà ad alzare i tassi d’interesse, secondo noi lo farà due se non tre volte nel corso del 2018, e altre tre volte nel corso del 2019, La Bce terminerà il QE a settembre o al massimo a dicembre di quest’anno, per poi cominciare ad alzare i tassi d’interesse sui depositi verso la primavera del 2019. Questo è lo scenario base. Politiche monetarie che diventeranno via via sempre meno espansive perché il quadro macroeconomico rimane di supporto e se ci dovesse essere un po’ più d’inflazione rispetto a quella che stiamo vedendo il percorso di normalizzazione delle politiche monetarie proseguirà.

Baselli: Per chiudere, un commento su di una classe di attivi obbligazionaria che fino a pochi anni fa era quasi sconosciuta in Italia, cioè i green bond, le obbligazioni verdi. Voi avete un fondo specializzato in green bond, qual è la vostra visione sul futuro di questo tipo di strumenti?

Maxia: Credo che sia un trend fortemente in ascesa. Rientra tra quegli argomenti di finanza sostenibile che ormai stanno diventando molto importanti per il mercato. Noi abbiamo lanciato un fondo da diverso tempo, ha avuto un ottimo riscontro, anche i risultati sono buoni, quindi crediamo assolutamente che questo tipo d’investimenti diversi rispetto al passato siano assolutamente da avere nei portafogli obbligazionari perché migliorano la diversificazione e l’efficienza complessiva.

Baselli: Grazie ancora a Massimiliano Maxia.

Maxia: Grazie.

Add a Comment
E-mail me new replies.