Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

I mercati emergenti restano indietro

Le tensioni commerciali, la crescita dell’avversione al rischio, i dubbi sulla congiuntura globale e degli Usa stanno frenando gli investitori dal lanciarsi sulle aree in via di sviluppo. Ma qualcuna offre rendimento. 

Marco Caprotti 11/09/2019 | 17:38

I mercati emergenti continuano a inseguire quelli sviluppati. E’ vero che in un mese (fino al 10 settembre e calcolato in euro) l’indice Morningstar dedicato ai paesi in via di sviluppo ha fatto meglio di quello dedicato alle aree developed: +4,38% per il primo contro il +3,64% per il secondo. Il confronto fra i due panieri da inizio anno, tuttavia, continua a essere impietoso: da gennaio, le zone emerging  hanno segnato +9,80% contro il +21,17% dei paesi sviluppati.

Indici Morningstar DM e EM a confronto
Usa vs China

Dati in euro aggiornati al 10 settembre 2019
Fonte: Morningstar Direct

Ma cosa ha impedito ai paesi emergenti di fare lo scatto per recupare quelli sviluppati? Le risposte sono diverse. Sicuramente ha influito l’escalation delle tensioni commerciali fra la Cina e gli Stati Uniti dalla quale, a guardare gli indici, secondo gli investitori la prima economia emergente del mondo rischia di uscire perdente. Il paniere Morningstar US da gennaio ha guadagnato (fino al 10 settembre e in euro) il 24,76% contro il +13,64% di quello relativo alla Cina.

Indice Morningstar US e China a confronto
Usa contro China

Dati in euro aggiornati al 10 settembre 2019
Fonte: Morningstar Direct

A questo si sono unite le prospettive di un rallentamento globale che hanno fatto passare un po’ di appetito per il rischio, allontanando gli investitori da quelli che vengono considerati gli asset più pericolosi, come i paesi emergenti. La politica più accomodante degli Stati Uniti in materia di tassi ha rasserenato solo in parte gli animi degli investitori. Se è vero che un costo del denaro più basso aiuta i mercati, è anche vero che un’atteggiamento dovish della Federal Reserve indica comunque che l’economia considerata la locomotiva del mondo non tira come dovrebbe.

Europa e Asia offrono rendimento?
Bisogna quindi uscire dai mercati emergenti? L’asset, spesso considerato un unico insieme, in realtà è un universo eterogeneo in cui aree diverse presentano opportunità e problemi differenti. “Zone in questo momento poco amate dal mercato come l’Europa emergente offrono discreti rendimenti rispetto ai rischi che presentano”, spiega Eugene Visage, Portfolio specialist di Morningstar Investment Management. “La recente volatilità ha reso interessanti anche alcune parti dell’Asia”.

Nella tabella in basso sono elencati i fondi della categoria Morningstar Emerging Europe.

Tabella emerging europe

Nella tabella sotto, invece, sono elencati i fondi della Categoria Global Emerging market, ordinati per Analyst rating (sono inclusi solo quelli con un giudizio positivo) e la loro esposizione netta all’Asia.

Emergenti e Asia

Leggi le altre analisi sui Mercati emergenti nella sezione dedicata del sito Morningstar.it

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar