Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

Cannabis legale, i numeri che piacciono al mercato

Secondo gli analisti di Morningstar le vendite legali di canapa potrebbero salire di nove volte entro il 2030 per arrivare a 43 miliardi di dollari. Un settore che interessa la medicina, il food & beverage e gli investitori. 

Marco Caprotti 16/07/2019 | 14:56

La cannabis è pronta per entrare nei portafogli finanziari. Secondo gli analisti di Morningstar, la legalizzazione della canapa in alcuni stati Usa e in Canada è una interessante opportunità per gli investitori internazionali.

I numeri puntano in questa direzione. In America 23 stati hanno legalizzato la cannabis per uso medico. Nel frattempo, 11 stati, così come Washington DC e il Canada, hanno dato il via libera all’uso della sostanza sia per scopi curativi che ricreazionali. Un trend che potrebbe essere seguito da altri stati Usa e numerosi paesi a livello globale. Secondo gli analisti di Morningstar, si tratta di un settore che crescerà di nove volte rispetto ai livelli attuali entro il 2030. Il mercato della cannabis che attualmente vale 4,7 miliardi di dollari l’anno a livello mondiale, nel giro di un decennio potrebbe quindi arrivare 43 miliardi.

A guidare la crescita ci sarebbe, oltre a una maggiore disponibilità di merce, l’emersione di quello che ora è la quota illegale e l’utilizzo da parte di alcune persone che oggi non sono consumatori. Secondo le stime di Morningstar entro il 2030 circa il 10% della popolazione americana (circa 35 milioni di persone) potrebbe essere utilizzatore di cannabis. In pratica si tratterebbe di 7mila tonnellate di prodotto ogni anno.

Uso medico e ricreazionale
Dal punto di vista medico, la cannabis è utilizzata nelle terapie contro il dolore per dare sollievo a sintomi come senso di nausea, vomito e insonnia nei pazienti che non rispondono ai trattamenti tradizionali. Per quanto riguarda il segmento medico le stime parlano di un numero di potenziali pazienti negli Usa che va da 20 a 105 milioni entro il 2030.

Le stime sul mercato Usa per le terapie contro il dolore
cannabis dolore

“Il Food & Drug Administration (l’organismo americano di controllo sui farmaci, Ndr) ha inziato a dare segnali di approvazione all’uso di derivati della cannabis per uso medicinale”, spiega Kris Inton, analista di Morningstar. “Il via libera più importante è stato quello per l’Epidiolex, un farmaco che utilizza il cannabidiolo per trattare le convulsioni legate a specifiche forme di epilessia”.

Una parte delle opportunità dal punto di vista operativo risiedono nell’uso ricreazionale e gli analisti si aspettano un aumento del consumo di cibi e bevande con estratti di cannabis. “Ma è ancora troppo presto per dire chi emergerà in questo nascente mercato”, dice l’analista.

Stime uso medico e ricreazionale a confronto
cannabis recreational

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar