Il petrolio Usa invade l’Asia

Secondo le previsioni di Morningstar, l’America venderà all’estero quasi sei milioni di barili al giorno entro il 2023. Molta parte della materia prima va già a oriente e la Cina potrebbe tornare a fare ingenti acquisti.

Marco Caprotti 11/06/2019 | 11:15

Meglio non sottovalutare gli Usa. Anche quando si parla delle loro capacità di vendere petrolio in giro per il mondo. “Le esportazioni di greggio erano di circa 2 milioni di barili al giorno nel 2018 e, secondo le nostre stime, saranno di 4 milioni nel 2020 e di 5,7 milioni nel 2023”, spiega Stephen Ellis, Energy and utilities strategist di Morningstar Research Services.

Il dato, soprattutto quello relativo all’anno prossimo, è superiore al consensus degli analisti che prevere vendite all’estero per 1,4 milioni di barili. “Il nostro ottimismo si basa sulle analisi che abbiamo fatto sulle forniture che sono in grado di estrarre gli Usa che, in generale, dovrebbero arrivare a 14 milioni di barili al giorno contro i 9,4 milioni del 2017. Merito soprattutto delle estrazioni nel Permian Basin”.

Il possibile aumento delle vendite all’estero è figlio del provvedimento preso nel 2015 con cui è stato tolto il divieto di export dell’oro nero Usa. Lo stop fu introdotto nel 1975, dopo il primo grande shock petrolifero. Questo costrinse gli Stati Uniti ad attuare una politica difensiva, vietando le esportazioni di una materia prima che all’epoca sembrava destinata ad esaurirsi in breve tempo. Da quattro anni, le esportazioni continuano a crescere e sono arrivate a 3 milioni di barili al giorno a metà 2018. L’Asia è il porto di approdo principale per i barili americani. La Cina, in  particolare era, almeno fino allo scoppio della guerra commerciale, uno dei maggiori acquirenti. I mancati ordini da parte di Pechino sono stati rimpiazzati con vendite più alte a stati come la Corea del Sud, il Giappone e l’India.

Le esportazioni di petrolio Usa
petrolio usa

Torna la Cina?
La Cina, peraltro, potrebbe tornare ad essere un acquirente importante del petrolio americano. “Ci sono notizie secondo cui il paese asiatico, dopo un periodo di stop, avrebbe iniziato a ricomprare la materia prima dagli Stati Uniti”, dice Ellis. “Noi ci aspettiamo che la domanda da parte di Pechino cresca fino a toccare il picco di 17 milioni di barili al giorno nel 2030. Bisogna tenere conto che il paese è in ritardo per quanto riguarda il raggiungimento dell’efficienza energetica, soprattutto sul fronte dei carburanti. Anche il passaggio all’elettrico per quanto riguarda il parco auto sta procedendo a rilento”.

Dal punto di vista operativo il suggermento dello strategist è di posizionarsi sul settore midstream dell’industria petrolifera (in sostanza le aziende che si occupano del trasporto della materia prima dai siti di estrazione a quelli di raffinazione). “Le società di questo comparto hanno già iniziato a costruire nuovi terminali per il greggio, dando una ulteriore spinta al loro vantaggio competitivo rispetto ad altri player”.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar