Mercati europei, continua l’exploit delle azioni value

Da inizio anno il segmento dei titoli orientati al valore ha sovraperformato quello delle azioni growth. Sul fronte delle valutazioni, il settore telecom è quello scambiato ai tassi di sconto più elevati, mentre i tecnologici sono i più costosi.

Fernando Luque 21/05/2019 | 09:26

Il 2019 ha sorriso ai listini europei anche ad aprile. Per il quarto mese di fila l'indice Morningstar Europe NR (con dividendi netti reinvestiti) ha registrato una performance positiva. A beneficiarne sono stati tutti i segmenti del Morningstar Style Box, anche se i guadagni maggiori sono stati appannaggio dei titoli value (+5,3%), che hanno sovraperfomato quelli growth (+4,1%).

L'analisi dei rendimenti
Il gap tra i due stili è stato più marcato tra le stock large cap (5,2% vs 3,6%) a causa del maggior contributo offerto dal comparto auto, e in particolare dai titoli Volkswagen AG e Daimler AG che sono saliti rispettivamente del 9,9% e dell’11,7%, e da alcune azioni del settore finanza come Banco Santander (+10,4%) e Allianz SE (+8,3%).

 

Figura 1: Rendimenti a confronto, Value vs Growth

 

Figura 2: Morningstar Europe Barometer

 

I finanziari hanno avuto un aprile molto positivo, con una crescita del 7,4%, ma il comparto che ha registrato il risultato migliore è stato quello tecnologico grazie a un rialzo dell’8,7%. Questo dato è solo apparentemente in contraddizione con quello relativo ai segmenti value e growth. La sovraperformance dei primi, infatti, è in parte attribuibile al negativo andamento del settore salute (-1%), in cui è molto forte la componente di aziende growth come Novartis, Roche e Novo Nordisk che nel mese di aprile hanno perso rispettivamente il 4,8%, il 3,7% e il 6,6%.

 

Figura 3: Rendimento dei settori

Cosa cambia sotto il profilo delle valutazioni
Nonostante gli ultimi guadagni, non ci sono state significative variazioni sul fronte delle valutazioni. I titoli value continuano a essere più attraenti di quelli growth. Il segmento più conveniente è quello large value, scontato del 14% rispetto al fair value, mentre le azioni più costose sono quelle mid-growth.

A livello settoriale, invece, i telefonici sono quelli scambiati alle valutazioni più convenienti, mentre il settore tecnologico rimane il più costoso in termini di rapporto Prezzo/fair value.

 

Figura 4: Rapporto Prezzo/Fair value

 

A nivel de sectores, el de servicios de comunicación sigue siendo el más atractivo, mientras que el sector tecnológico se mantiene como el más caro en términos de Morningstar Price/Fair Value.

 

 

 

Nota: La información utilizada en este artículo ha sido extraída de nuestra plataforma para inversores profesionales Morningstar DirectSi es inversor profesional y quiere saber más sobre Morningstar Direct haga clic aquí

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Fernando Luque

Fernando Luque  es el Senior Financial Editor de www.morningstar.es

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar