Turchia e Argentina fanno lo sgambetto agli emergenti

Nelle ultime settimane, le aree in via di sviluppo hanno pagato le preoccupazioni legate alla crescita dell’inflazione nei due paesi. Ma il rischio contagio sembra lontano.

Marco Caprotti 09/05/2019 | 12:08

 

I mercati emergenti dopo una fase positiva scivolano. L’indice Morningstar dedicato ai paesi in via di sviluppo in un mese (fino al 7 maggio e calcolato in euro) ha perso il 2% portando a +11,7% la performance da inizio anno.

Indice Morningstar EM
emergenti grafico
Dati in euro aggiornati al 7 maggio 2019
Fonte: Morningstar Direct

Alla base della fase di debolezza dell’asset class ci sono soprattutto le preoccupazioni legate a Turchia e Argentina che, al momento, stanno attraversando una fase di crisi della valuta. “I problemi di Argentina e Turchia hanno alcuni elementi in comune”, spiega Craig Botham, Senior Emerging markets economist di Schroders. “L’inflazione è una preoccupazione importante in entrambe le economie e le Banche centrali hanno avuto difficoltà a controllarla ultimamente”. A marzo questa è arrivata a toccare il 54,7% in Argentina e il 19,7% in Turchia. “Tali livelli sono ben al di sopra della media per i paesi emergenti e sono cresciuti notevolmente in un periodo in cui il resto degli emergenti ha visto un’inflazione piatta o in calo”, dice Botham.

Il grafico sotto mostra il livello di inflazione nei due paesi e nel resto degli EM
inflazione emerging

 

Nessun rischio contagio
Con una crescita economica globale incerta, con i timori a fasi alterne di una potenziale recessione negli Stati Uniti e con una possibile guerra commerciale fra Usa e Cina all’orizzonte, gli investitori hanno ragione di sentirsi agitati riguardo alla possibilità che questa situazione contagi anche il resto degli emergenti? “Riteniamo che tali preoccupazioni siano eccessive”, spiega Botham. “La Turchia e l’Argentina non rappresentano il sintomo di un problema più generale nei mercati emergenti. Al contrario, i due paesi stanno affrontando problemi abbastanza unici nelle sfere economiche e politiche. Al di là del sentiment, non c’è ragione per cui gli investitori dovrebbero temere un effetto contagio al resto dell’asset class”.

Nella tabella in basso sono elencati i cinque fondi della categoria Morningstar Global emerging market equity che hanno la maggiore esposizione netta alla Tuchia.
tab2

Nella tabella in basso sono invece elencati i cinque fondi della categoria Morningstar Global emerging market equity che hanno la maggiore esposizione netta all’Argentina.
tab3

 

L'analisi è stata effettuata con l'ausilio della piattaforma per professionisti finanziari Direct. Clicca qui per saperne di più.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar