Non è solo Brexit a far sudare freddo l’Europa

Un’uscita disordinata del Regno Unito potrebbe portare a una recessione nell’Ue. Nel frattempo Germania, Francia e Italia pesano sulla regione della moneta unica.

Marco Caprotti 10/04/2019 | 15:25

L’Europa cresce, ma ha di che preoccuparsi. L’indice Morningstar dedicato al Vecchio continente nell’ultimo mese (fino all’8 aprile e calcolato in euro) ha guadagnato il 4,82%, portando a +15,56% la performance da inizio anno (-11% nel 2018).

Indice Morningstar Europe
grafico europa

Dati in euro aggiornati all'8 aprile 2019
Fonte: Morningstar Direct

Caos Brexit
Pur indicando un cambio di rotta rispetto all’anno scorso, il trend deve fare i conti con alcune incognite. La prima riguarda la situazione caotica dell’uscita del Regno Unito dall’Ue che ogni giorno registra novità sulla tempistica e sulle modalità dell’addio (gli ultimi colloqui fra Unione Europea e il Regno Unito hanno portato a un nuovo rinvio flessibile di Brexit. In pratica il Regno Unito avrà tempo fino al 31 ottobre per uscire dall’Ue. Potrà farlo però se prima il Parlamento britannico voterà a favore di un accordo sulle condizioni di uscita). “Al di là dei timori iniziali di una disintegrazione del blocco economico e politico, il timore principale degli investitori è la possibilità che il Regno Unito lasci l’Unione europea senza accordo, soprattutto a causa degli effetti negativi che potrebbe avere sull'economia”, spiega Ludovic Colin, Head of Global Flexible Bonds di Vontobel. “A nostro avviso, in questo momento e a breve termine, l’innesco più probabile di una recessione nell'Unione europea sarebbe un’uscita disordinata”.

Nell’immagine in basso (elaborazione BBC) sono illustrati i possibili prossimi passaggi legati a Brexit.

 

brexit1A livello di categorie Morningstar dedicate ai fondi che investono nel Vecchio continente, la più esposta al Regno Unito è quella riservata agli strumenti che investono nelle small cap dove, mediamente, il paese pesa per il 22,4%. Nella tabella sotto sono elencati i 10 fondi che hanno la maggiore esposizione netta all’azionario UK.

fondi

Chi frena l’area euro
A complicare le cose per chi investe nella regione sono arrivate le ultime previsioni del Fondo monetario internazionale. Per l’area della moneta unica, la crescita è vista in rallentamento all’1,3% quest’anno (dall'1,8% dell'anno scorso e 0,6 punti in meno di quanto stimato a ottobre). Potrebbe poi esserci un rafforzamento all'1,5% nel 2020. Il fondo ricorda come la crescita sia peggiorata particolarmente per alcune economie: spiccano la Germania, la Francia e l’Italia. I motivi sono simili per tutti: domanda interna debole e spread elevati. Per altro, proprio ai rendimenti alti è collegato il rischio di “mettere sotto pressione le banche, pesare sull'attività economica e peggiorare la dinamica del debito pubblico”, dice il Fondo.


Versione aggionata all'11 aprile 2019

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar