Dove investire nell’energia

Magellan Midstream Partners ed Enbrige sono tra le poche società del settore in grado di abbinare qualità e valore.

Francesco Lavecchia 09/04/2019 | 15:36

Magellan Midstream Partners è attiva nel segmento midstream, un business prevalentemente basato sulle commissioni delle società petrolifere che utilizzano la sua rete per il trasporto e lo stoccaggio di gas naturale e petrolio. E’ quindi relativamente poco sensibile alle fluttuazioni del prezzo delle materie prime. A rafforzare la posizione di vantaggio dell’azienda c’è l’impossibilità, da parte di altri competitor, di costruire un gasdotto concorrente. Una condizione che crea di fatto un monopolio naturale e che permette a Magellan di macinare rendimenti del capitale superiori alla media.

Il flop di Permian Gulf Coast non cambia la valutazione di Magellan
“Il progetto Permian Gulf Coast (una joint venture di circa 2 miliardi di dollari tra Magellan Midstream Partners, MPLX, Energy Transfer e Delek Holdings per la costruzione di un gasdotto che avrebbe collegato il Bacino Permiano alla costa del Golfo) è stato annullato, ma questo non cambia la nostra stima del fair value di Magellan Midstream Partners che resta fermo a quota 72 dollari”, dice Stephen Ellis analista di Morningstar. “Ci aspettiamo che Magellan continui a beneficiare di una domanda stabile per i suoi prodotti raffinati che le permetterà di generare la liquidità necessaria a nuovi investimenti. Nei prossimi cinque anni prevediamo una crescita media del fatturato di circa il 4%, mentre gli utili per azione dovrebbero aumentare a un ritmo del 2%-3% all'anno dopo il 2019” (report aggiornato al 26 marzo 2019). 

Enbridge, buon posizionamento per continuare a crescere
Enbridge è proprietaria di una delle più ampie pipeline del Nord America. Il segmento midstream è il più redditizio all’interno del settore energetico. E’, infatti,  soggetto alla regolamentazione delle autorità che decidono l’ammontare delle commissioni a favore della società e la fattibilità della costruzioni di nuovi gasdotti e oleodotti. Questo è un vantaggio perché limita l’ingresso di nuovi operatori nel settore e garantisce al gruppo elevati rendimenti del capitale.

Enbridge è posizionata per beneficiare della crescita della domanda di shale oil. La sua rete oleodotti (Mainline), infatti, offre alle raffinerie l'accesso a diversi mercati e genera flussi di cassa elevati e costanti nel tempo. Inoltre, il suo portafoglio di attività comprende anche gasdotti e una rete per il trasporto di gas naturale.

Il gruppo canadese intende aumentare la cedola al 10% nel 2020 e questo rende il titolo ulteriormente appetibile, dato che le attuali quotazioni di mercato sono più basse di circa il 20% rispetto al fair value di 62 dollari canadesi (report aggiornato all’1 aprile 2019).

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Enbridge Inc37,19 USD0,19
Magellan Midstream Partners LP61,63 USD-0,47

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar