Deutsche Bank e Commerzbank parlano di nozze. Ma il successo non è assicurato

La fusione, dicono gli analisti di Morningstar, non migliorerebbe la redditività e solidità patrimoniale, dato il particolare contesto competitivo in Germania. E gli ostacoli da superare non sono pochi.

Francesco Lavecchia 19/03/2019 | 14:54

Deutsche Bank e Commerzbank si sposeranno davvero? E il matrimonio che ne verrebbe, avrebbe successo? Per il momento gli analisti di Morningstar mantengono invariati i rispettivi fair value a 9,2 e 10 euro per azione. “Le due banche tedesche hanno annunciato formalmente l'avvio di discussioni finalizzate a una potenziale fusione che darebbe vita alla seconda o la terza banca europea con circa 1,9 trilioni di euro di attività, ma riteniamo che le probabilità che questo interessamento si concretizzi in una operazione di M&A siano basse a causa dei numerosi ostacoli che i due istituti di credito dovrebbero superare. Inoltre, crediamo che dato il posizionamento di entrambe, i loro deboli risultati raggiunti sino ad ora nel processo di ristrutturazione e lo scarso guadagno in termini di solidità patrimoniale, l’unione delle due banche non sia neanche conveniente”, dice Niklas Kammer analista azionario di Morningstar. 

Più grande non vuol dire più redditizia
“A chi sostiene la teoria per cui più grandi sono le dimensioni della banca più alte sono la redditività e la solidità della stessa rispondiamo che questo rischia di non essere vero nel caso del mercato tedesco. Qui, infatti, la forte frammentazione del settore bancario e la presenza di istituti controllati dallo stato tiene i margini di profitto sotto la media europea e un eventuale M&A tra Deutsche Bank e Commerzbank non riuscirà comunque a garantire un significativo miglioramento in termini di redditività”. 

Altri potenziali ostacoli alla riuscita del deal, secondo gli analisti, sono rappresentati dalle pressioni dei sindacati, dato che un accordo potrebbe comportare il taglio di oltre 20.000 posti di lavoro, e dalla difficile intesa sulla valutazione delle due banche. L’eventualità di dover rivedere al ribasso le valutazioni dei propri titoli, infatti, potrebbe non andar giù agli azionisti che quindi voterebbero contro alla proposta di fusione.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Commerzbank AG8,13 EUR0,43
Deutsche Bank AG7,78 EUR-0,54

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar