2018, Wall Street non basta a sollevare gli indici globali

A livello regionale solo il listino Usa resta in territorio positivo, mentre le Borse peggiori sono quelle dei paesi emergenti. Tra i settori, brillano i titoli healthcare. Male le commodity. Gli energetici sono i più convenienti.

Francesco Lavecchia 17/12/2018 | 10:22

Nel 2018 sorridono solo gli Usa. I listini americani sono stati gli unici a mantenersi in territorio positivo registrando un rendimento in linea con quello dello scorso anno e superiore al 4% (indice Morningstar US market al 12 dicembre 2018 in euro). Al contrario, è andata male ai mercati emergenti che hanno vanificato i guadagni realizzati nel 2017 registrando una perdita in doppia cifra. Il risultato peggiore è stato quello riportato dalle Borse del Medio Oriente e dell’Africa (-16,57% in euro), sulle quali ha inciso il pessimo andamento del listino sudafricano (-18,8) che pesa per quasi il 20% sulla capitalizzazione di mercato della regione. Negative sono state anche le performance delle Borse emergenti in Asia ed Europa e, in particolare, quelle di Corea del Sud, Cina e India.

Gli emergenti soffrono il calo dei tecnologici 
I listini dei paesi in via di sviluppo hanno accusato la cattiva intonazione delle aziende appartenenti ai settori tecnologia (-15%) e beni di consumo ciclici (-16%), che contano rispettivamente per il 23% e per il 9% della capitalizzazione di mercato dell’indice (Morningstar EM). I ribassi più significativi sono stati quelli di Tencent Holding (-19%) e Samsung (-17%) tra i tecnologici e della brasiliana Ambev (-30%) tra i consumer cyclical. Le vendite registrate da inizio anno, però, non hanno modificato le convinzioni degli analisti di Morningstar che hanno confermato il fair value di questi titoli, che ora sono scambiati a tassi di sconto molto interessanti.Ai mercati sviluppati, invece, non è bastata la buona performance degli Usa (che pesano per circa il 60% sull’indice Morningstar DM), sostenuta dagli acquisti su tecnologici e titoli healthcare come Microsoft, Apple e Pfizer.

Mercati sviluppati traditi da Eurozona e Regno Unito
A far girare in negativo il bilancio della regione sono state le pesanti perdite dei listini dell’Eurozona (indice Morningstar Eurozone) e del Regno Unito (Morningstar UK index) che, insieme, rappresentano oltre il 15% della capitalizzazione di Borsa dell’intera area e che da inizio anno hanno ceduto rispettivamente il 9,6% e l’11,7% (al 12 dicembre in euro). Molto negativo è stato l’andamento di tutte le piazze finanziarie dell’Area euro e in particolare di Francoforte, Parigi e Milano. Il Regno Unito ha invece pagato il pessimo andamento dei settori maggiormente rappresentativi come finanza e beni di consumo difensivi e ciclici, che hanno registrato ribassi superiori al 10% a causa delle forti vendite su titoli come British American Tobacco, Imperial Brands, HSBC e Lloyds Banking Group. Gli analisti di Morningstar riconoscono a entrambe le aziende nell’industria del tabacco un Moat elevato e assegnano un rating di 5 stelle (il loro rapporto Prezzo Fair value è pari a 0,6). I due bancari, invece, hanno un Moat medio e sono scambiati a un tasso di sconto del 30% circa (i fair value e i rating sono aggiornati al 13 dicembre 2018).

 

Figura 1: Mercati azionari a confronto



Fonte dati: Morningstar Direct, dati al 12/12/2019 in euro

 

Tra i settori brilla l'healthcare, male le materie prime
Relativamente ai settori, a livello globale ha brillato il comparto healthcare che ha dato continuità al buon 2017, guadagnando da inizio anno l’11,66%. Bene anche le utility che hanno invertito la tendenza negativa dello scorso anno registrando un +7,73%. I tecnologici, dopo il +22% del 2017, sono saliti di circa 2 punti percentuali. Il risultato peggiore è stato registrato dal settore materie prime, in calo del 13,4%, seguito da finanziari e manifatturieri. Per gli energetici e telefonici è stato un altro anno negativo: i primi, dopo il -9,5% del 2017, hanno ceduto altri 600 punti base, per i secondi il -3,5% accumulato da inizio anno si somma al passivo di 5 punti percentuali registrato lo scorso anno.

La performance dei titoli del settore salute è stata positivamente influenzata dai forti rialzi di Merck e Pfizer (rispettivamente + 47% e +32%), mentre le azioni del settore materie prime hanno pagato i pesanti passivi di Basf, DowDuPont e Glencore. Le recenti vendite che hanno colpito i titoli del comparto energia hanno reso particolarmente interessanti le valutazioni che, al momento, sono scambiati in media ai tassi di sconto più elevati (rapporto Prezzo/Fair value di 0,85).

 

 Figura 2: Il confronto tra i settori a livello globale

Fonte dati: Morningstar Direct, dati al 12/12/2019 in euro

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar