Fra auto e cibo in Usa c’è ancora del valore da scoprire

Mentre le valutazioni dell’azionario americano continuano a salire ci sono ancora alcuni titoli in grado di unire bilanci in crescita a un fair value interessante. Ford si rimetterà in forma con nuovi investimenti. General Mills punta sul lancio di nuovi prodotti alimentari.

Marco Caprotti 04/09/2018 | 13:09

La caccia ai titoli che sappiano coniugare qualità e prezzi interessanti sul mercato americano diventa sempre più complessa. Le valutazioni rendono la ricerca ardua. L’indice Morningstar Us Market nel mese di agosto ha guadagnato (in dollari) il 3,44% (+10,3% la performance da inizio anno) portando l’equity Usa ai massimi storici.  

Le condizioni perché la corsa possa continuare, almeno sulla carta, sembrano esserci tutte: l’inflazione, che secondo alcuni investitori avrebbe potuto frenare l’espansione economica, si è attestata a un livello sopportabile; gli utili aziendali nell’ultima tornata di trimestrali hanno mostrato uno dei migliori tassi di crescita dal 2010; la minaccia di una guerra commerciale fra gli Usa e buona parte del resto del mondo fa meno paura dopo che la Casa Bianca e il Messico hanno trovato un accordo sugli scambi.

In questo quadro, fra le Best Ideas, gli analisti di Morningstar segnalano due titoli large cap (leggi qui per approfondire) dai prezzi interessanti, alla luce delle prospettive future: Ford (rating 4 stelle) e General Mills (5 stelle).

Ford
“Siamo ottimisti sulle prospettive di lungo termine del gruppo auto perché ora costruisce veicoli che la gente vuole acquistare, mentre prima venivano comprati solo grazie ai forti incentivi forniti dal governo per rilanciare il settore”, spiega David Whiston, analista di Morningstar in un report del 2 agosto 2018, dove per il titolo viene stimato un fair value di 13 dollari per azione contro i 9,5 dollari circa a cui viene trattato in Borsa. Il management ha spiegato in più occasioni che il gruppo ha bisogno di “rimettersi in forma” (per usare le parole del Ceo Jim Hackett) per sopportare gli effetti di alcuni fattori che non può controllare come l’andamento delle valute e le fluttuazioni delle materie prime. “Dai nostri colloqui con la dirigenza è emerso che gli investimenti in settori come il marketing, lo sviluppo dei prodotti e i test di sicurezza dovranno essere aumentati. Ma sono tutte operazioni che richiederanno un po’ di tempo per far vedere i loro effetti”. Il costo di questo tipo di ristrutturazione, secondo le stime della società (sulle quali gli analisti peraltro concordano), dovrebbe aggirarsi sugli 11 miliardi di dollari.

FORD
ford

General Mills
“Il forte posizionamento in alcuni segmenti come i cereali di pronto consumo (controlla tre delle cinque marche più famose che contribuiscono al 17% dei guadagni) e lo yogurt (da cui derivano i 15% degli utili) ha aiutato il gruppo alimentare a mantenere un Economic moat (vantaggio competitivo, Ndr) Ampio”, spiega Sonia Vora, analista di Morningstar in un report del 7 agosto 2018 in cui al titolo viene assegnato un fair value di 59 dollari contro i 45 dollari circa a cui viene trattato in questi giorni. “A dare una mano ai conti dovrebbe essere il completamento dell’acquisizione di Blue Buffalo (cibo per animali) che permetterà sinergie in grado di far risparmiare 50 milioni l’anno dei 750 totali previsti dal gruppo. Questo dovrebbe liberare risorse per dare un’ulteriore spinta ai diversi marchi della società. Nei prossimi 10 anni, secondo le nostre previsioni, le spese per l’advertising ammonteranno al 7% del fatturato. Questi investimenti dovrebbero aiutare a lanciare nuovi prodotti o alimenti con una nuova formulazione che meglio si adattino ai mutati gusti dei consumatori in modo da giustificare un aumento dei prezzi”. Secondo le previsioni dell’analista, i margini operativi nei prossimi anni saranno del 18% contro il 17% fatto segnare nell’anno fiscale 2018.

General Mills
gm

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Ford Motor Co10,13 USD0,30
General Mills Inc53,23 USD1,49

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar