Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

Europa, le vendite di agosto aumentano gli sconti

La crisi turca e la guerra commerciale intrapresa dall’amministrazione Trump hanno penalizzato i listini del Vecchio continente. Tra i titoli della regione, gli analisti di Morningstar puntano sul più elevato rendimento atteso di quelli britannici.

Francesco Lavecchia 28/08/2018 | 12:40

L’Europa perde contatto con i mercati globali. Nel mese di agosto (al 24/08 in euro), i listini del Vecchio continente hanno lasciato sul terreno il 2%, aumentando il divario da inizio anno nei confronti delle Borse mondiali, (+1,1% nello stesso periodo) a oltre il 7,5% (Figura 1).

Figura 1: Borse europee vs Resto del Mondo

Fonte dati: Morningstar Direct, dati al 27/08/2018

Sui corsi azionari delle stock della regione hanno pesato i timori sulla stabilità dell’economia turca, e dunque le preoccupazioni legate alla forte esposizione al paese da parte di molte banche europee come Unicredit, la spagnola Banco Bilbao Vizcaya Argentina e il gruppo francese BNP Paribas, nonché l’escalation della guerra commerciale intrapresa dall’amministrazione Trump nei confronti non solo della Cina, ma anche dei Paesi dell’Unione che hanno una forte vocazione all’export.

I bancari pesano sulla performance 
A pesare sull’andamento dell’indice Morningstar DM Europe sono state le perdite dei comparti finanza e materie prime (rispettivamente -3,8% e -3,35%). Il primo è stato penalizzato dalle vendite sui bancari, il secondo ha pagato il -10,4% registrato dalla britannica Rio Tinto. Le uniche note positive arrivano dai tecnologici, che nel periodo preso in considerazione sono saliti di circa il 2% grazie agli exploit di SAP, Amadeus IT Group e Wirecard, che hanno guadagnato rispettivamente il 4,14, il 17,9 e il 9,86%.

Le recenti sofferenze sui listini hanno ulteriormente migliorato le valutazioni dell’equity del Vecchio continente che continua a essere scambiato a prezzi più convenienti rispetto a quello statunitense.

Gli analisti di Morningstar, però, preferiscono le stock britanniche, nonostante queste mantengano prezzi mediamente più alti rispetto a quelle italiane o spagnole (Figura 2).

Figura 2: Le valutazioni di mercato

 

Perché puntare sul Regno Unito
“Il mercato sta scontando in maniera eccessiva le ripercussioni di Brexit sull’economia del paese, ma i fondamentali delle aziende sono solidi e il loro grado di indebitamento non è preoccupante. Per questo siamo convinti che esse saranno in grado di superare le conseguenze negative dell’uscita dell’Unione europea e di garantire il più alto rendimento atteso all’interno della regione”, dice Leslie Alba, analista azionaria di Morningstar.

Tali conclusioni sono coerenti con la lista dei titoli europei con Moat elevato e con il più alto tasso di sconto, nella quale primeggiano le multinazionali britanniche nel settore consumer, come British American Tobacco Imperial Brands e Unilever (Figura 3).

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar