Gli investitori in Etf preferiscono non rischiare troppo

A giugno, i deflussi netti dagli azionari sono stati di circa 1,6 miliardi di euro, ma la tecnologia e i settori difensivi hanno attratto capitali. Bene anche i governativi e le materie prime, eccetto l’oro.

Sara Silano e Ali Masarwah 23/07/2018 | 10:19

Con la volatilità protagonista sui mercati da febbraio, gli investitori in Etf (Exchange traded fund) restano avversi al rischio. Anche se fanno dei distinguo tra le diverse classi di attività finanziarie.

Secondo le stime di Morningstar, a giugno i deflussi netti dai fondi indicizzati azionari sono stati di circa 1,6 miliardi di euro in un contesto di mercato che ha regalato poche soddisfazioni, nonostante l’apprezzamento di alcune valute, tra cui il dollaro, che ha attenuato le perdite per gli investitori in euro. Le categorie più colpite sono state l’Equity europeo, giapponese ed emergente, mentre gli Etf specializzati su Wall Street e sulla Borsa svizzera hanno avuto flussi netti positivi.

Flussi netti per macro-categorie Morningstar a giugno

Flussi netti per macro-categorie Morningstar

Fonte: Morningstar Direct. Dati al 30 giugno 2018.

Gli strumenti obbligazionari hanno registrato una raccolta positiva, ma inferiore al miliardo, grazie agli acquisti sui governativi in euro e dollari.

Per quanto riguarda le materie prime, l’interesse degli investitori si è diretto verso energia e panieri diversificati. Sono stati penalizzati, invece, i metalli preziosi, a causa soprattutto del calo delle quotazioni dell’oro.

Tecnologia e salute a braccetto
Un’analisi più approfondita dei flussi mostra che non c’è stata la tradizionale opposizione tra tecnologia e settori difensivi. Gli Etf specializzati sui titoli ad alta crescita statunitensi hanno registrato un andamento positivo così come gli strumenti con focus sull’industria hi-tech. Allo stesso tempo, è stata positiva la raccolta degli azionari svizzeri, che hanno in pancia molti titoli farmaceutici.

Flussi netti per categorie Morningstar a giugno

Flussi netti per categorie Morningstar

Fonte: Morningstar Direct. Dati al 30 giugno 2018.

Le incertezze politiche italiane e le tensioni nell’Eurozona si sono fatte sentire sui prodotti dedicati all’area. Un discorso analogo vale per i mercati emergenti, che oltre ad importanti tornate elettorali, devono fare i conti con il rafforzamento del dollaro.

Chi sale e chi scende
Tra gli emittenti, il segno dominante è il meno. Xtrackers (Deutsche Bank) ha sofferto i maggiori deflussi, attribuibili soprattutto ai replicanti sull’Eurozona e il Giappone. Source (Invesco) ha visto riscatti sui prodotti specializzati sui metalli preziosi e su quelli settoriali. Amundi è stata penalizzata dalle fuoriuscite dai diversi Etf geografici.

Flussi netti nei principali Etf provider a giugno

Flussi netti nei principali Etf provider

Fonte: Morningstar Direct. Dati al 30 giugno 2018.

Tra le società più grandi, si sono mosse in controtendenza iShares, che ha beneficiato della domanda di strumenti obbligazionari e sull’indice americano S&P 500, e UBS, grazie in particolare ai replicanti sulle materie prime.

L'analisi è stata realizzata con la piattaforma per professionisti finanziari, Morningstar Direct. Clicca qui per saperne di più sulle sue funzionalità.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano e Ali Masarwah  Sono responsabili editoriali di Morningstar rispettivamente in Italia e Germania.