iShares Msci EM IMI: costi competitivi, ma occhio al peso della Cina

ETF SOTTO LA LENTE. Gli analisti di Morningstar attribuiscono il rating Bronze. Oltre la metà del patrimonio è allocato in tre soli paesi.

Sara Silano 02/07/2018 | 09:46

L’Etf iShares Msci Emerging markets IMI è tra i più economici fondi azionari con focus sui mercati emergenti sia se confrontato con le proposte attive sia con le altre passive. Le spese correnti ammontano, infatti, allo 0,25% annuo. Per gli analisti di Morningstar, si tratta di un indubbio vantaggio competitivo, ma gli investitori devono essere consapevoli anche dei rischi di concentrazione del portafoglio.

Più della metà del patrimonio è allocato in tre Paesi: la Cina (29%), la Corea del sud (16%) e Taiwan (12%). Inoltre, il peso dell’ex celeste impero è destinato a salire ancora, a seguito dell’ingresso delle azioni di classe A (quelle quotate a Shenzhen e Shanghai) negli indici globali di Msci. Si stima che potrebbe raggiungere circa il 40% quando l’aggiornamento dei benchmark sarà completato (la data però non è ancora stata rivelata da Msci).

“Gli investitori devono essere consapevoli dell’esposizione al paese asiatico degli strumenti che replicano passivamente tale indice”, dice Monika Dutt, analista di Morningstar. “Molte società sono controllate dallo Stato e può accadere che gli interessi pubblici abbiano la precedenza sulla profittabilità”.

Troppa Cina negli indici emergenti
Rispetto ai fondi passivi, i gestori attivi hanno maggior flessibilità nel determinare la quota di azioni di Shanghai da tenere in portafoglio e, secondo i dati a disposizione di Morningstar, sono leggermente sottopesati (la media di categoria è del 25%).

Il problema del rischio di eccessiva concentrazione sulla Cina accomuna anche gli altri Etf che replicano il più diffuso indice Msci EM. Rispetto a quest’ultimo, quello “IMI”, utilizzato da iShares, include un 5% di small cap, quindi è leggermente più diversificato.

Dal lancio nel 2014, le performance dell’Etf di iShares sono state migliori della media di categoria, grazie anche ai costi competitivi. In base all’analisi di tutti questi fattori, gli analisti di Morningstar hanno attribuito il rating Bronze (report di Monika Dutt del 1 giugno 2018).

Leggi il report completo redatto da Monika Dutt il 1 giugno 2018.

Per informazioni sul codice etico degli analisti e la metodologia, clicca qui.

Visita il mini-sito Morningstar dedicato a MIFID II.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
iShares Core MSCI EM IMI ETF USD Acc EUR22,61 EUR-0,53

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia