Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

VIDEO: Crescita e riforme spingono i bond emergenti

Secondo Ooi Boon Peng (Eastspring Investments) gli investitori dovranno aspettarsi una maggiore volatilità sui mercati obbligazionari dei paesi in via di sviluppo nei prossimi anni, ma solidi fondamentali economici e cambiamenti strutturali sono sinonimo di grandi opportunità, come nel caso dell’India.

Valerio Baselli 02/05/2018 | 11:33

Valerio Baselli: Buongiorno e benvenuti. Sono Valerio Baselli, e oggi sono in compagnia di Ooi Boon Peng, responsabile degli investimenti obbligazionari di Eastspring Investments. Buongiorno.

Ooi Boon Peng: Grazie è un piacere.

Baselli: Nell'ultimo anno, i fondi obbligazionari emergenti hanno segnato circa 56 miliardi di euro di flussi netti in Europa (contando sia i fondi in valuta forte che quelli in valuta locale (dati al 28 febbraio 2018). Crede che questa tendenza positiva continuerà? E perché?

Peng: Abbiamo una visione positiva del mercato obbligazionario dei paesi emergenti. Detto questo, abbiamo la consapevolezza che ci siano alcuni fattori che potrebbero causare della volatilità sui mercati emergenti nei prossimi anni. Innanzitutto, il tapering delle banche centrali si farà sentire con più forza, poi c’è Trump e la sua retorica protezionistica, il che causa un sentimento negativo sul mercato. Inoltre, vediamo che, in generale, le valutazioni dei mercati azionari sono abbastanza care. Tutti questi fattori ci fanno predirre della volatilità.

Tuttavia, ci sentiamo di raccomandare agli investitori di acquistare obbligazioni emergenti, in valute forte o locale, questo perché i fondamentali di crescita economica sottostanti sono robusti. L’inflazione è generalmente contenuta, a causa soprattutto della bassa crescita dei salari, sotto controllo in particolare negli Usa.

Poi vediamo una crescita economica sincronizzata, spinta dalle spese in conto capitale. Quindi, crediamo che questi fattori, la forza della crescita globale, la Fed che alzerà i tassi in maniera più graduale, sono positivi per i mercati emergenti.

Baselli: La Cina è ormai il terzo mercato obbligazionario più grande al mondo dopo Stati Uniti e Giappone. Molti investitori sono però preoccupati per la situazione debitoria del paese. Qual è la sua posizione? Vede più opportunità o più rischi in Cina?

Peng: Come società, e anch’io personalmente, siamo sempre stati positivi sul debito cinese, sia in valuta forte che locale, in termini di rendimenti nel tempo. E crediamo che la Cina continuerà a fare bene. Quello che preoccupa in Cina è il livello del debito societario, ma credo che il governo cinese sia assolutamente conscio del problema. Gli ultimi due Congressi del Popolo hanno identificato la stabilizzazione del debito e della leva finanziaria come priorità, e la cosa si riflette anche nel fatto che la crescita dei prestiti si è stabilizzata.

E in un momento in cui l’economia sta crescendo fortemente, questo aiuta ad assicurarsi che i default restino sotto controllo e che i prestiti erogati siano regolati e che possano spingere la crescita. Quindi, in questo senso siamo ottimisti e riconosciamo lo sforzo delle autorità sul livello del debito.

Baselli: Infine, a parte la Cina naturalmente, dove vede in questo momento le migliori opportunità nell’universo del debito emergente?

Peng: Cerchiamo posti dove ci siano riforme. La Cina è uno di questi, l’Indonesia anche e un paese che ha chiaramente seguito un percorso di riforme in questi anni è l’India, dove hanno anche introdotto la demonetizzazione dell’economia per far emergere una buona parte dell’economia informale. L’India ha anche gradualmente aperto il proprio mercato obbligazionario, attualmente fino al 5% del mercato obbligazionario può essere detenuto da investitori stranieri e alzeranno questo livello al 6% e poi oltre.

Credo che sia un’opportunità perché si tratta di un’economia che sta cambiando grazie alle riforme e anche perché i rendimenti sono assolutamente interessanti al 7,5%. E anche l’inflazione al 4,3% è considerata benigna dalla banca centrale indiana. Quindi, per queste ragioni crediamo che l’India sia la prossima opportunità.

Baselli: Grazie mille. Per Morningstar, Valerio Baselli, grazie per l’attenzione.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar