Bollettino Morningstar N.12 del 9 - 13 aprile 2018

In sintesi le novità dell'industria del risparmio.

Morningstar 12/04/2018 | 10:56

Fidelity International ha annunciato il lancio sul mercato di sei fondi azionari indicizzati transnazionali a basso costo. La gamma è composta da sei fondi domiciliati in Irlanda (ICAV), che coprono Stati Uniti, Europa, Giappone, Pacifico escluso Giappone, mercati sviluppati globali e mercati emergenti, con una commissione che varia in un range compreso fra lo 0,06% per il Fidelity S&P 500 Index Fund e lo 0,20% per il Fidelity MSCI Emerging Markets Index Fund.

Generali è diventatata partner strategico dell’Università Commerciale Luigi Bocconi grazie a un accordo che istituisce la Gruppo Generali Chair in Insurance and Risk Management. La Cattedra è stata affidata al professore ordinario del Dipartimento di Finanza, Stefano Rossi. L’accordo prevede l’intitolazione della Cattedra per cinque anni, durante i quali saranno svolte attività didattiche e di ricerca, finalizzate a partecipare al dibattito scientifico in tema assicurativo-finanziario attraverso ricerche e pubblicazioni internazionali, l’organizzazione di incontri, seminari e workshop e altre forme di collaborazione.

DWS ha adottato un nuovo sistema di rating basato sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG, Sustainable Development Goals) delle Nazioni Unite. I dati del motore ESG di DWS includono anche ESG Sustainable Impact Metrics elaborati da MSCI, che misurano l’effettivo apporto fornito dai prodotti e dai servizi di specifiche società a uno o più obiettivi SDG, sia per le azioni quotate, sia per le obbligazioni societarie. Utilizzando questi dati, DWS mira a individuare le organizzazioni che, con i propri prodotti e servizi, contribuiscono all’obiettivo di attuare l’agenda SDG a livello mondiale.

Eurizon ha introdotto nella propria gamma d’offerta, Eurizon Fund - Absolute Green Bonds, il primo strumento istituito da un asset manager di matrice italiana specializzato sui mercati obbligazionari internazionali che permette di finanziare progetti legati all’ambiente.

ODDO BHF AM ha annunciato di essere diventato firmatario dell’iniziativa “Climate Action 100+”, con l’obiettivo di partecipare allo sforzo comune degli investitori per favorire il dialogo con le 100 aziende che emettono la maggiore quantità di gas a effetto serra nel mondo. Lanciato a dicembre 2017, Climate Action 100+ ha lo scopo di fare pressione su queste 100 aziende, affinché adottino le misure necessarie per contribuire a raggiungere gli obiettivi sul clima, ovvero limitare l’aumento delle temperature a una soglia inferiore a +2°C.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Morningstar