Il Giappone preferisce guardare in casa

Le piccole aziende che lavorano nel mercato domestico hanno iniziato l’anno di corsa. I fondamentali dell’equity del Sol levante, dicono i gestori di MIM, migliorano anche sul fronte della corporate governance. 

Marco Caprotti 01/02/2018 | 09:57

Il Giappone riparte dalle small cap. La categoria Morningstar dedicata ai fondi che investono sulle piccole e medie imprese del Sol levante nell’ultimo mese (fino al 30 gennaio e in euro) ha guadagnato il 4,15% (+4% in yen) contro il +2,6% (+2,5% in valuta locale) fatto segnare dal segmento riservato agli strumenti che puntano sulle big cap. A livello di indici, quello Morninsgtar relativo alla Borsa dell’Arcipelago nel suo complesso ha guadagnato il 2,6% (in euro, +2,4% in yen) in quattro settimane e il 9,7% l’anno scorso (+20%).

Indice Morningstar Japan
giap

Dati in euro aggiornati al 31 gennaio 2018
Fonte: Morningstar Direct

“Le valutazioni delle azioni giapponesi sono ragionevoli e siamo sempre più rassicurati dal miglioramento dei fondamentali”, spiega Dan Kemp, Chief investment officer Emea di Morningstar Investment Management. “In particolare dobbiamo sottolineare l’impegno che ci stanno mettendo le aziende giapponesi nel migliorare la corporate governance. Un elemento che porterà a risultati più buoni per gli investitori. Questo avverrà principalmente attraverso una crescita dei dividendi e dei buy back, che potrà contare su un aumento dei margini di profitto, oltre che sull’incremento degli utili e del Roe. Alla luce di tutto questo, noi continuiamo a preferire le società che lavorano sul mercato locale rispetto a quelle che esportano”.

Tre stelle in testa
Nel segmento dedicato ai fondi specializzati sulle small cap giapponesi (quelle orientate al mercato domestico), la prima posizione in termini di performance nell’ultimo mese l’ha guadagnata PineBridge Japan Small Cap Equity A3 (Morningstar rating 3 stelle) che, nel periodo, è salito del 6,7% (in euro e si è piazzato fra migliori fondi della sua categoria nel 2017 con un +33%). Il gestore, in base ai dati aggiornati al 31 ottobre 2017, sovrappesa soprattutto il comparto tecnologico e quello della salute. 

Visita il mini-sito Morningstar dedicato a MIFID II.

L'analisi è stata realizzata con la piattaforma per professionisti finanziari, Morningstar Direct. Clicca qui per saperne di più sulle sue funzionalità.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.