Per continuare ad usare il sito, devi abilitare i cookies. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla nostra policy relativa ai cookie e sul tipo di cookies che usiamo. Accetto i Cookies

L’emergente è sempre meno tradizionale

Nei paesi in via di sviluppo arretrano i titoli legati all’energia e ai materiali di base, mentre avanzano le società hi-tech. Questo aumenta la correlazione con i mercati developed, ma lo stock picking fornisce ancora un po’ di diversificazione. 

Marco Caprotti 28/12/2017 | 14:42

I mercati emergenti continuano a regalare soddisfazioni. Soprattutto a chi ha deciso di investire nelle regioni in via di sviluppo mettendo da parte settori tradizionali per quelle aree (come le risorse naturali e l’energia) e concentrandosi, invece, su segmenti più tipicamente da paesi developed.

Per quanto riguarda l’andamento di Borsa, l’indice Morningstar dedicato agli emerging market nell’ultimo mese (fino al 27 dicembre e calcolato in euro) ha guadagnato l’1,2%, portando a +18,7% la performance da inizio anno.

Indice Morningstar EM da inizio anno
indiceem
Dati in euro aggiornati al 27 dicembre 2017
Fonte: Morningstar Direct

A livello di categorie Morningstar, quella dedicata ai mercati emergenti globali in quattro settimane è salita dello 0,6% (+18,5% da gennaio).

“Il successo di due colossi cinesi del tech come Tencent e Alibaba sono la prova più evidente di come l’aspetto dei mercati emergenti stia cambiando”, spiega Ben, Johnson, analista di Morningstar. “Questo significa che la corsa di alcuni comparti non è più un fenomeno esclusivo delle regioni sviluppate e deve essere tenuto in considerazione quando si pensa agli emerging”.

E la diversificazione?
Questo, però, dal punto di vista operativo crea un problema. “Vista la maggiore correlazione fra developed ed emerging, diventa sempre più difficile utilizzare i secondi come un elemento di efficace diversificazione del portafoglio”, spiega Johnson. “Questo un fattore diventerà sempre più evidente mano a mano che i paesi emergenti saranno maggiormente integrati nell’economia globale e potrà essere in parte mitigato con un’attenta opera di selezione delle azioni”.

Fra i fondi che si sono comportati meglio nelle ultime settimane e che attuano una strategia di diversificazione a di allontanamento dai segmenti tradizionali degli emergenti c’è Stewart Investors Global Emerging Markets Leaders A Acc EUR (+3,5% in un mese, +12,2% da inizio anno; Morningstar rating: quattro stelle; Analyst rating: Bronze) “Il processo di investimento è decisamente orientato allo stock picking e fa poca attenzione alla composizione del benchmark o alle scelte fatte dai gestori dei prodotti concorrenti”, spiega Simon Dorricott, fund analyst di Morningstar in un report dell’8 febbraio 2017. “Da anni il team di gestione ha deciso di sottopesare settori come energy e material. Ha dimostrato, invece, una particolare predilezione per le società i cui utili non vengono limati dalle fasi di rallentamento della congiuntura”. 

Visita il mini-sito Morningstar dedicato a MIFID II.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo
Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Alibaba Group Holding Ltd ADR179,11 USD-1,26
Tencent Holdings Ltd394,00 HKD-1,55
Info autore Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.