Per continuare ad usare il sito, devi abilitare i cookies. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla nostra policy relativa ai cookie e sul tipo di cookies che usiamo. Accetto i Cookies

Giochi per investitori

Migliorano le previsioni sulle vendite delle aziende produttrici di videogame e toy durante le festività. Ecco le società meglio posizionate e scambiate ai prezzi più vantaggiosi.

Francesco Lavecchia 05/12/2017 | 12:28

I big dei videogiochi e dei giocattoli Nintendo, Tencent, e Mattel aspettano con ansia la fine delle feste. E, con loro, gli azionisti che vogliono sapere quali sono stati i risultati di un periodo tradizionalmente caldo per questi settori come il Natale. 

Nintendo cambia strategia
Nintendo, creatrice di icone del mondo dei videogame come Super Mario Bros e i Pokemon, ha capito che per far crescere il fatturato non è necessario inventare nuovi personaggi, ma diversificare la presenza dei suoi giochi su più canali come quello dei dispositivi mobile, della vendita dei diritti per le produzioni cinematografiche e altro merchandising.

“La profittabilità del gruppo si è deteriorata quando il management ha deciso di puntare tutto sul contenuto tecnologico delle console. Sono stati fatti grossi investimenti per differenziarsi dai giochi su dispositivi mobile, ma il risultato è stato quello di offrire prodotti a prezzi così alti da frenare la crescita delle vendite. La nuova strategia cerca di valorizzare il punto di forza di Nintendo, cioè la proprietà intellettuale, con l’obiettivo di spingere i margini di profitto”, dice Kazunori Ito di Morningstar.

“Nei prossimi cinque anni ci aspettiamo che le vendite della nuova console Nintendo Switch facciano da traino a una crescita media dei ricavi del 24% e all’espansione del margine operativo dall’attuale 6% al 31%. Ora il titolo è scambiato a un tasso di sconto del 10% rispetto al fair value di 50.000 yen” (report aggiornato al 22 novembre 2017).

Tencent fa leva sui social network
Il colosso cinese Tencent ha un portafoglio di attività che hanno come comune denominatore il canale online: vanno dallo streaming di eventi sportivi e musica ai social network; dai giochi all’istruzione; dalle piattaforme di pagamento alle applicazioni per la navigazione. Gli analisti riconoscono al gruppo una forte posizione di vantaggio competitivo grazie all’effetto rete creato dai suoi social network che fungono da polo di attrazione per un numero enorme di utenti che poi acquistano o utilizzano anche altri prodotti e servizi dell’azienda.

“Le nostre previsioni per i prossimi dieci anni, che indicano un progresso medio dei ricavi del 34% e un Ebit medio del 25%, si basano su diversi fattori tra cui l’espansione del business dei giochi online e dello sport in streaming e l’aumento del traffico pubblicitario sulle piattaforme online”, dice Chelsey Tam di Morningstar. “La crescita del fatturato a un tasso medio superiore al 30% negli ultimi tre anni ha spinto il titolo a +150% negli ultimi 24 mesi. Ma nonostante questo Tencent continua a essere scontata del 22% rispetto al fair value di 63 dollari” (report aggiornato al 16 novembre 2017).

Mattel punta sui marchi core
Le voci di una possibile fusione con la rivale Hasbro hanno fatto balzare il prezzo del titolo Mattel a +34%. Gli analisti di Morningstar giudicano poco probabile questa operazione e ritengono che nonostante le ultime speculazioni il mercato continui a sottovalutare i benefici del nuovo piano strategico dell’azienda americana. “L’ipotesi di un accordo tra le due società leader mondiali nel mercato dei giocattoli è stata più volte paventata, ma crediamo che anche questa volta non vada a buon fine, nonostante il valore di Mattel si sia fortemente deteriorato negli ultimi 12 mesi rendendola una preda appetibile”, dice Jaime M.Katz di Morningstar.

“Il vero driver della crescita futura sarà invece la nuova strategia aziendale. Negli ultimi anni i risultati sono stati molto negativi, ma gli obiettivi aziendali sono quelli di tornare a crescere nel 2018, sia in termini di ricavi che di margini di profitto, attraverso un focus maggiore sui marchi core del gruppo, l’aumento delle licenze sui brand e un miglioramento dell’efficienza produttiva e della catena dei fornitori”. In base a queste previsioni la stima del fair value del titolo è pari a 26 dollari (report aggiornato al nove novembre 2017).

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo
Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Mattel Inc14,62 USD-4,88
Nintendo Co Ltd43.930,00 JPY0,07
Tencent Holdings Ltd ADR50,49 USD-3,15
Info autore Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia