L’America piace sempre. Soprattutto se è growth

Il mercato Usa, dicono gli analisti, continua a essere interessante nonostante le valutazioni. Una parte del merito va ai re del web. 

Marco Caprotti 30/11/2017 | 09:39

L’America è cara ma continua a piacere. “Fra i mercati a basso rischio è sicuramente quello più costoso”, spiega Karen Wallace, analista di Morningstar. “Ma presenta alcune caratteristiche che potrebbero continuare a farlo viaggiare. Ad esempio, è in programma uno sgravio fiscale per le imprese che, se approvato, potrebbe in media far aumentare i guadagni delle società a stelle e strisce del 10-15%. Non dimentiamoci poi che gli Usa sono il paese dei titoli growth come i cosiddetti FANG (Facebook, Amazon, Netflix e Google, Ndr). Hanno fatto bene quest’anno e sembrano poter approfittare ancora del momentum”.

In questo quadro, l’indice Morningstar Us in un mese (fino al 28 novembre e calcolato in euro) ha guadagnato l’1,12%, portando a +5,6% la performance da inizio anno.

INDICE MORNINGSTAR US DA INIZIO ANNO
uss

Dati in euro aggiornati al 28 novembre 2017
Fonte: Morningstar Direct

La corsa dei growth
Il paniere Morningstar dedicato ai titoli growth in un mese ha guadagnato il 3% portando a +14,5% la performanace da inizio anno, posizionandosi al primo posto fra i diversi benchmark che illustrano i diversi stili di investimento nell’universo del mercato Usa.

INDICE MORNINGSTAR US GROWTH
growth

Dati in euro aggiornati al 28 novembre 2017
Fonte: Morningstar Direct

Alla luce di questa situazione non è quindi probabilmente un caso che il fondo che ha avuto la performance migliore nel periodo sia stato uno strumento come Calamos US Growth X USD Acc che, in un mese, ha guadagnato (in euro) il 4,6%. In ossequio alla sua caratteristica growth non mancano i nomi della tecnologia, con una particolare predilezione per i brand più conosciuti come Alphabet, Apple, Facebook e Amazon (dati al 31 dicembre 2016). 

Visita il mini-sito Morningstar dedicato a MIFID II.

L'analisi è stata realizzata con la piattaforma per professionisti finanziari, Morningstar Direct. Clicca qui per saperne di più sulle sue funzionalità.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.