Per continuare ad usare il sito, devi abilitare i cookies. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla nostra policy relativa ai cookie e sul tipo di cookies che usiamo. Accetto i Cookies

Lo sport fa bene al rendimento

Il segmento dei produttori di abbigliamento guida gli sconti nel settore consumer cyclical. Le azioni dei grandi marchi specializzati nell’attività fisica secondo gli analisti di Morningstar sono le migliori idee di investimento.

Francesco Lavecchia 14/11/2017 | 12:10

I consumer cyclical hanno ancora del potenziale inespresso. Il settore ha avuto un andamento in linea con quello del mercato (Figura 1, indici Msci World vs Msci World/Consumer discretionary,in dollari Usa), ma nonostante questo è scambiato a un rapporto Prezzo/Fair value medio di 0,97 (aggiornamento al 10/11/2017). All’interno del comparto è il segmento dei produttori di abbigliamento quello che al momento presenta le valutazioni più convenienti (Figura 2, rapporto medio P/FV segmento apparel manufacturer) e, tra questi, i grandi marchi dello sportswear Nike, Under Armour e Hanesbrands, secondo gli analisti di Morningstar, rappresentano le migliori occasioni di investimento.

Figura 1: Indice Msci World vs Msci World/Consumer discretionary (in dollari Usa)

 

Figura 2: Rapporto medio P/FV segmento apparel manufacturer


Le occasioni di investimento
I tre produttori americani possono vantare una posizione di vantaggio rispetto ai competitor e, in seguito al loro negativo andamento in Borsa negli ultimi tre mesi, sono scambiati a sconto rispetto al loro fair value (Figura 3).

Hanesbrands ha ceduto quasi il 20% negli ultimi 90 giorni (in dollari Usa al 10 novembre 2017) e ora è scambiata a un rapporto P/FV di 0,62. Il Moat dell’azienda è frutto di un portafoglio marchi di assoluto valore (come Champion, College Apparel e Just My Size), del controllo della catena dei fornitori e delle elevate economie di scala. In questo modo riesce a ricavare mark-up elevati sui prodotti e dunque a mantenere margini di profitto superiori alla media.

“I dati del terzo trimestre hanno mostrato una forte crescita del segmento online e dei mercati internazionali, a dimostrazione che la strategia di puntare su nuovi canali di vendita e sulla categoria di prodotti ad alto valore aggiunto sta dando i suoi frutti”, dice Bridget Weishaar analista azionaria di Morningstar. “Le nostre previsioni per i prossimi cinque anni indicano una crescita media del fatturato del 3% e un’espansione del margine operativo di 200 punti base” (report aggiornato al 31 ottobre 2017).

Nello stesso periodo Under Armour ha registrato un passivo ancora più ampio, cedendo oltre il 35% (in dollari Usa al 10 novembre 2017). L’azienda americana sta investendo nella costruzione di una sua rete vendite anche fuori dai confini nazionali e nello sviluppo di nuove categorie di prodotto. Queste scelte, dicono gli analisti, impatteranno negativamente nel breve periodo sui margini di profitto, ma costituiranno nel medio/lungo termine degli importanti driver di crescita sia del fatturato che della redditività del gruppo. Al momento il titolo è scambiato attorno ai 12 dollari, a un tasso di sconto di oltre il 40% rispetto al fair value di 19,50 dollari (report aggiornato al 6 settembre 2017).

Nike è il leader indiscusso del settore grazie a un fatturato di oltre 30 miliardi di dollari. Il suo marchio è uno dei più famosi al mondo e la ricerca tecnologica apportata ai prodotti e le numerose sponsorizzazioni in molte discipline sportive contribuiscono ad alimentarne il valore e la riconoscibilità tra i consumatori, i quali sono disposti a pagare premium price generosi. “Il gruppo americano ha enormi potenzialità di crescita a livello globale - in particolar modo nei mercati emergenti - che crediamo sarà in grado di sfruttare grazie ai suoi nuovi investimenti nella rete di negozi monobrand e nel canale online”, dice Michael Wong di Morningstar. “Per i prossimi cinque anni ci aspettiamo un progresso medio dei ricavi dell’8%, ma il mercato sconta il titolo del 15% rispetto al fair value che è pari a 66 dollari” (report aggiornato al due novembre 2017).

 

Figura 3:Rendimento a 3 mesi di Nike, Under Armour e Hanesbrans

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo
Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Hanesbrands Inc19,51 USD1,51
Nike Inc B58,73 USD2,61
Under Armour Inc A13,19 USD3,37
Info autore Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia