Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

Il Giappone anticipa la correzione?

Il mercato azionario è influenzato dalle prospettive dell’economia mondiale. Le notizie per ora sono buone, ma i fondi dedicati al Sol Levante sono diventati più volatili perché temono cattive sorprese. 

Marco Caprotti 06/04/2017 | 11:29

Il Giappone tira il fiato. Dopo il +6,30% (in euro) messo a segno nel 2016 e il buon inizio di 2017, l’indice Morningstar dedicato al Sol Levante nell’ultimo mese (fino al 4 aprile) ha registrato un -0,17% che porta la performance da inizio anno a +3,9%.

Indice Morningstar Japan: 1 mese
jap

Dati aggiornati 4 aprile 2017
Fonte:Morningstar Direct

Il rallentamento in termini di performance si è fatto sentire anche a livello di categorie Morningstar. Quella riservata all’azionario large cap in un mese è scesa dello 0,36% (in euro, -2,89 in yen), mentre quella dedicata alle small e mid cap è calata dello 0,13% (-2,66% in valuta locale). “Le preoccupazioni dei mercati non riguardano tanto l’economia giapponese da cui l’azionario del Sol levante (composto principalmente da società votate all’export, Ndr) è sempre stato abbastanza slegato, quanto le prospettive dell’economia globale e di quella Usa in particolare”, spiega Karen Kwock, analista di Morningstar. “I numeri che arrivano a livello macro sono positivi, ma proprio per questo gli investitori si aspettano che possano esserci delle fasi di rallentamento che potrebbero portare i mercati in altalena”.

Meglio controllare la volatilità
Fra i fondi dedicati alle large cap uno di quelli che si è comportato meglio e che secondo gli analisti di Morningstar offre buone garanzie in termini di diversificazione e di controllo delle volatilità è stato Uni-Global Equities Japan SA-JPY, (rating 5 stelle, Analyst rating Silver) che, in un mese, ha guadagnato l’1,6%.  “Uno dei punti di forza del fondo è l’approccio rigoroso in cui la gestione del rischio è l’elemento centrale”, spiega Ronald van Genderen, fund analyst di Morningstar. “Il processo di investimento unisce tecniche quantitative con l’analisi fondamentale dei rischi per produrre un portafoglio diversificato con poca volatilità rispetto al resto del mercato. La ricerca di diversificazione porta a una grande flessibilità in termini di allocation settoriale e di capitalizzazione di mercato. Il 33% del portafoglio è investito in mid cap contro il 17% medio dei suoi concorrenti”.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar