Per continuare ad usare il sito, devi abilitare i cookies. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla nostra policy relativa ai cookie e sul tipo di cookies che usiamo. Accetto i Cookies

Analyst rating, l’argento è per uno solo

Il giudizio è andato a un fondo di nuova copertura. Arriva la bocciatura per una strategia considerata troppo rischiosa. 

Marco Caprotti 16/03/2017 | 10:06

Una nuova copertura, un downgrade, un fondo che esce dalla revisione, una promozione. E’ questo in sintesi, il bollettino dell’attività dei fund analyst di Morningstar, per il mese di febbraio.

Si parte da Silver
Su Uni-Global Equities World SA-USD la copertura è iniziata con un rating Silver. Gli analisti pensano che questo fondo sia un buon modo per gli investitori per avere accesso all’azionario globale prendendo pochi rischi. Il processo di investimento unisce tecniche di ottimizzazione quantitativa con l’analisi fondamentale sui rischi per produrre un portafoglio diversificato con bassa volatilità e drawdown ridotti rispetto alla generalità del mercato. La strategia viene affinata costantemente con lo scopo di identificare e controllare meglio i rischi legati alle valutazioni o la sensibilità ai tassi di interesse. Gli analisti apprezzano la qualità delle risorse adottate per la gestione di questo fondo e di altri dedicati agli investimenti regionali. Sotto la guida di Alexei Jourovski dal 2010, il team è stato gradualmente rinforzato e ora conta sette manager e otto analisti che portano avanti il processo in maniera molto disciplinata e replicabile.

Il downgrade
Legg Mason RY US Small Cap Opportunities A USD Inc è passato da Silver a Bronze. Il focus dei gestori sui titoli micro cap meno amati dal mercato e l’investimento sulle società indebitate rende questo fondo una delle offerte più volatili nel segmento delle small cap. Siamo convinti che la strategia continuerà a pagare nel lungo periodo, ma il suo profilo ad alto rischio porta a forti perdite durante le fasi di ribasso dei mercati. Un elemento che limita i rendimenti aggiustati per il rischio. Inoltre, le commissioni sono più alte della media, il che riduce le possibilità di outperformance. E’ vero che il team di gestione è forte e c’è una attenzione disciplinata alle valutazioni, tuttavia gli analisti credono che il rating Bronze sia appropriato.

Il passaggio a neutral
Pioneer Fds Top European Players E EUR ND è passato da Under review a Neutral. Il rating del fondo è stato posto in revisione dopo la notizia che Unicredit ha firmato un accordo per la cessione ad Amundi di Pioneer Investment. In generale, gli analisti credono che la strategia equity sull’Europa di Pioneer abbia grandi meriti, ma le incertezze riguardo alla composizione del team, alla location, alla capacità di tenere in casa i talenti, alla struttura degli incentivi e alla strategia di investimento sono troppo grandi per mantenere una view positiva. Al momento non ci sono state modifiche al team o al processo del fondo, ma cambiamenti sostanziali potrebbero essere fatti nel breve e medio termine. L’accordo dovrebbe essere finalizzato nel 2017, anche se difficilmente la piena integrazione avverrà prima del 2018. La fusione dovrebbe portare a sinergie di costo e di profitti. La prima dovrebbe essere attuata con un taglio dello staff, compresi alcuni membri dei team di investimento. L’equity europeo è un’area di sovrapposizione fra le due società. In sostanza, gli effetti pieni della riorganizzazione sono al momento sconosciuti. Per questo, gli analisti sono prudenti visto che non c’è visibilità sulle implicazioni per gli investitori del fondo.

Il promosso
Stewart Investors Asia Pacific A Acc GBP è salito da Neutral a Bronze. Il rating del fondo è stato abbassato all’inizio dell’anno scorso dopo la notizia del passaggio di consegne per la gestione dall’esperto Angus Tulloch a Ashish Swarup a luglio. Swarup è ora l’unico a prendere decisioni sul fondo. Ha migliorato la sua conoscenza dei paesi non-emerging della regione come ad esempio l’Australia. Organizza incontri settimanali per discutere le posizioni del portafoglio con Tulloch e altri gestori. Questo, insieme ad alcuni cambiamenti in specifiche azioni che sono state fatte sul fondo, ha fatto crescere la convinzione degli analisti riguardo all’applicazione di un processo che ha già avuto successo. 

I rating di febbraio

rating

 


Per approfondimenti sulla nostra metodologia dei rating clicca qui

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.