Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

L’avarizia dei developed piace agli emergenti

I paesi in via di sviluppo continuano a correre. Merito soprattutto delle difficoltà a trovare rendimenti in altre aree. I rischi geopolitici restano un elemento fondamentale da tenere in considerazione. 

Marco Caprotti 03/11/2016 | 09:58

Il braccio corto dei paesi sviluppati fa bene agli emergenti. E’ merito della scarsità di rendimenti in zone come gli Stati Uniti e l’Europa se gli investitori che hanno puntato sulle aree in via di sviluppo in questa parte del 2016 sono riusciti a levarsi qualche soddisfazione. E, se le previsioni saranno confermate, potranno farlo anche l’anno prossimo.

Indicazioni incoraggianti, in questo senso sono arrivate dal Fondo monetario internazionale che, nell’ultimo rapporto sull’andamento dell’economia globale, hanno sì limato le stime sulla crescita globale portandole al 3,1% per quest’anno e al 3,4% per il 2017, aggiungendo però che la spinta maggiore arriverà dalle zone emergenti. Nel frattempo gli operatori gongolano: l’indice Morningstar EM nell’ultimo mese (fino al primo novembre e calcolato in euro) ha guadagnato l’1,8%, portando a +13,6% la performance da inizio anno.

L'indice Morningstar Emerging Market da inizio anno

emergenti

Dati in euro aggiornati all'1 novembre 2016

Fonte: Morningstar Direct

I fondamentali non c’entrano
Il buon momento dell’asset class è confermato anche dall’andamento delle categorie Morningstar dedicate ai fondi che investono in singoli paesi o regioni come il Brasile (+75,35% da inizio anno) o l’Europa emergente (+19%). In alcuni casi la situazione è paradossale. Aree come il Latam (+38%) avrebbero dovuto pagare la sostanziale debolezza delle commodity di cui sono fra le principali esportatrici. “Il punto è che il rally del 2016 degli emerging market non è alimentato dai fondamentali di queste zone”, spiega Patricia Oey, fund analyst di Morningstar. “Gli investitori stanno cercando rendimenti nei mercati che hanno sottoperformato negli anni scorsi”. Generalizzare, tuttavia, sarebbe un errore. La debolezza delle materie prime, ad esempio, sta pesando sulle prospettive economiche dell’Africa sub-sahariana. L’Fmi, per la Nigeria prevede una contrazione dell’1,8%, mentre per il Sudafrica stima un’espansione minima. L’America latina da, parte sua, può contare sulla performance del Brasile, un paese che sta cercando faticosamente di uscire dalla recessione e da una serie di scandali politici e che, secondo le analisi di Morningstar, in termini di asset, rappresenta più della metà delle holding nei portafogli dedicati all’intera regione.

Occhio ai rischi
Nonostante le performance i mercati emergenti restano un segmento per chi ha i nervi saldi. Soprattutto quando si considerano i rischi geopolitici. La Turchia, ad esempio (che ha un peso importante negli indici dedicati agli emerging), alla fine del mese scorso ha tirato il freno, appesantendo tutti i panieri, dopo che l’agenzia di rating Moody’s ha portato il merito di credito sulle obbligazioni governative del paese al livello di junk (spazzatura). Il downgrade è stato il frutto del deterioramento politico seguito al tentativo di golpe di metà luglio che ha fatto scappare parecchi investitori internazionali. Il risultato è stato un calo dell’equity turco, un aumento dei rendimenti dei bond e un deprezzamento della valuta (la lira). 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar