Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

I fondi attivi fanno un altro passo indietro

Negli Stati Uniti, il tasso di successo è diminuito rispetto a un anno fa. Il segmento più in difficoltà è quello delle large cap.

Sara Silano 29/08/2016 | 11:03

La lancetta del barometro punta sempre più verso i fondi passivi. L’ultimo Morningstar active/passive barometer rivela che negli Stati Uniti i gestori attivi perdono posizioni rispetto ai prodotti indicizzati.

Il rapporto, che è stato lanciato nel giugno 2015 e viene aggiornato ogni semestre, misura il tasso di successo dei fondi americani attivi rispetto a quelli passivi nelle rispettive categorie di riferimento. Sin dalla prima edizione ha messo in luce la difficoltà per i primi di ottenere rendimenti più elevati dei secondi, soprattutto nel lungo periodo, e i più alti tassi di mortalità (chiusure o fusioni). Rispetto a un anno fa, tuttavia, il quadro si è ulteriormente deteriorato. Dieci delle 12 categorie considerate nello studio sono peggiorate.

Barometro fondi attivi e passivi USA

Dove i gestori fanno più difficoltà
Nel dettaglio, i gestori attivi value sono quelli più penalizzati su tutti i tipi di portafoglio (large, mid e small cap). “La ragione è probabilmente nel cambio di leadership tra l’approccio al valore e alla crescita”, si legge nello studio firmato da Ben Johnson e Alex Bryan, “Nei dodici mesi terminati il 30 giugno 2015, l’indice Russell 3000 Growth ha battuto il Russell 3000 Value di 7,07 punti percentuali. Nei successivi dodici mesi (al 30 giugno 2016), il secondo ha fatto meglio dello 0,23%. Di conseguenza, i manager attivi value che erano stati premiati per le scommesse fuori dal loro stile sono stati colpiti più duramente”.

L’importanza dei costi
Come altri studi in passato, anche quest’ultimo rivela che i costi sono una variabile fondamentale nel decretare il tasso di successo. Ad esempio, i fondi US large cap value meno cari hanno un success ratio a dieci anni del 66% che scende al 18% per i comparti più costosi. In sostanza, più alte sono le spese, maggiore è la probabilità che un prodotto abbia rendimenti deludenti o venga chiuso.

Il segmento delle blue chip è quello dove i tassi di successo dei fondi attivi nel lungo periodo sono più bassi, mentre sulle small cap, ma anche nel reddito fisso, i gestori possono fare la differenza rispetto ai prodotti indicizzati.

Infine, il report rivela che gli investitori tendono a preferire i fondi con le migliori performance. Il rendimento ponderato per gli asset, infatti, è superiore a quello “equi-pesato”. Non sempre, però, scelgono i prodotti meno costosi, nonostante questo fattore sia una importante determinante dei ritorni che potranno ottenere.

Scarica il report completo.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar