Per continuare ad usare il sito, devi abilitare i cookies. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla nostra policy relativa ai cookie e sul tipo di cookies che usiamo. Accetto i Cookies

L’America delude le Borse

Europa e Wall Street negative. Pesa il dato sul mercato del lavoro Usa al di sotto delle attese. A Milano (-0,45%) provano a resistere le banche. Scendono molte blue chip. In calo il lusso. New York, intanto, ragiona sui prossimi movimenti dei tassi di interesse. 

Marco Caprotti 06/05/2016 | 17:46

Seduta negativa per l’Europa dopo il deludente dato sull’occupazione Usa. Il fatto che siano stati creati 160.000 posti di lavoro, meno dei 205.000 attesi e sui minimi di sette mesi, spinge il mercato a credere che l'economia americana sia priva di slancio dopo una serie di dati macroeconomici deludenti inclusa la lettura preliminare del Pil del primo trimestre (+0,5%, la lettura più debole da due anni). Ciò porta gli analisti a scommettere che la Federal Reserve non alzerà i tassi a giugno. C’è chi persino esclude una stretta nel 2016 dopo quella dello scorso dicembre (fu la prima dal giugno 2006).

A Milano (-0,45%) hanno cercato di resistere le banche spinte da Mps dopo la trimestrale, ma sono andate giù numerose blue chips come Cnh, Eni e Ferragamo.

New York giù
Wall Street viaggia in calo sulla scia del deludente rapporto sull'occupazione americana di aprile. Per quanto sotto le stime, il rapporto sull'occupazione contiene spunti interessanti come la crescita dei salari orari, pari a un +2,5% anno su anno, meglio del 2% circa osservato da quando l'economia ha iniziato a creare occupazione nel 2010. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.