Per continuare ad usare il sito, devi abilitare i cookies. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla nostra policy relativa ai cookie e sul tipo di cookies che usiamo. Accetto i Cookies

Borse, a Milano si salvano le banche

Europa negativa dopo un tentativo di recupero. Pesa l’attesa per i dati relativi al mercato del lavoro usa che potrebbero determinare le scelte sui tassi della Fed. A Milano sono in rialzo gli istituti di credito, ma pesano molte blue chip. New York si prepara a partire con il segno più. 

Marco Caprotti 06/05/2016 | 12:42

Prosegue nel segno della volatilità la seduta delle Borse europee. Le piazze sono di nuovo peggiorate dopo un’apertura negativa e un immediato recupero. Milano sta ampliando le perdite e lasciando sul parterre l'1%. E' in compagnia di Parigi, mentre Madrid, Londra e Francoforte cedono mezzo punto percentuale.

A Piazza Affari sono in rialzo le banche, ma vanno giù numerose blue chips come Cnh, Eni e Ferragamo. Mps continua a mettere a segno un progresso del 3% all'indomani della trimestrale. Corrono anche le Banco Popolare e le Bper. Fca difende le posizioni nell'attesa di sviluppi su una eventuale partnership con Apple.

Wall Street positiva
Per quanto riguarda gli Stati Uniti, l’andamento dei future indica che Wall Street aprirà con il segno più. Dal fronte macro il dato più atteso oggi è quello relativo all’occupazione nel mese di aprile. Il risultato potrebbe determinare le scelte future della Federal Reserve in materia di tassi di interesse. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.