Borse condizionate dal barile

Europa negativa. Pesa il fallimento del vertice Opec sulla produzione. A Milano scendono gli energy e le banche. In calo anche l’Asia e New York. 

Marco Caprotti 18/04/2016 | 09:42

Apertura in profondo rosso per le principali Borse europee che pagano il nulla di fatto del vertice Opec di Doha sulla produzione di oro nero e il rallentamento del Pil cinese ai minimi storici (+1,1% nel primo trimestre 2016). Il petrolio, nel frattempo, crolla ancora.

A Milano scivolano energy e banche con Saipem peggiore del listino ed Eni che la segue a ruota. Forti vendite anche su Unicredit e Fineco bank.

Asia e New York giù
Seduta negativa per l’Asia, condizionata dagli umori del barile e dall’andamento della piazza Usa. La giornata di venerdì scorso a Wall Street è finita in lieve calo, anche se la settimana è terminata in rialzo. Per il Dow Jones è stata l’ottava migliore da un mese a questa parte. I titoli finanziari hanno fermato una corsa che andava avanti da cinque giornate di fila. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar