Per continuare ad usare il sito, devi abilitare i cookies. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla nostra policy relativa ai cookie e sul tipo di cookies che usiamo. Accetto i Cookies

La paura vince in Borsa

Europa negativa. Gli investitori preferiscono la prudenza, mentre sono in corso attentati a Bruxelles. A Milano soffrono le banche. Fari su Telecom in attesa dei nuovi vertici. Asia giù. New York poco mossa. 

Marco Caprotti 22/03/2016 | 09:51

Avvio in calo per le Borse europee dopo le violente esplosioni all'aeroporto e altri luoghi pubblici di Bruxelles.

A Piazza Affari sono deboli le azioni delle banche. Dopo la corsa di ieri Banco Popolare segna la performance peggiore nell'attesa di novità sull'aggregazione con Bpm  nel giorno in cui si riunisce il cda dell'istituto meneghino. Sono invece in controtendenza le Telecom Italia: oggi i top manager prenderanno atto delle dimissioni dell'Ad, Marco Patuano ed è probabile che affideranno al presidente, Giuseppe Recchi, le cariche ad interim fino alla nomina di un nuovo numero uno della compagnia.

Asia negativa, New York poco mossa
Seduta negativa per l’Asia appesantita dal calo del petrolio. I listini della regione non hanno potuto contare sull’aiuto di New York. Wall Street ha chiuso poco mossa con gli investitori che preferiscono non fare grandi scommesse nel corso di una settimana che sarà più breve del solito: i mercati americani venerdì resteranno infatti chiusi in vista della Pasqua. I trader non si aspettano che gli indici Usa - reduci da cinque settimane di fila di rialzi - siano oggetto di grandi variazioni nel corso dei prossimi giorni.

Pensi di essere un genio degli investimenti? Clicca qui e provalo con il quiz di Morningstar Investing Mastermind

Info autore Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.