Per continuare ad usare il sito, devi abilitare i cookies. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla nostra policy relativa ai cookie e sul tipo di cookies che usiamo. Accetto i Cookies

La Fed condiziona le Borse

Europa volatile. Gli investitori aspettano le indicazioni della Banca centrale Usa su tassi ed economia. A Milano (-0,18%), pesano i finanziari. In rialzo Finmeccanica. New York debole. 

Marco Caprotti 16/03/2016 | 17:44

Seduta volatile per le Borse europee. Sono tornati a pesare i cali sui titoli bancari, in una giornata in cui tutti gli occhi sono puntati sulla Fed che chiude oggi la due-giorni di riunione. I finanziari si sono indeboliti sia per le prese di beneficio dopo i rialzi seguiti alle decisioni Bce, sia per voci su un possibile aumento di capitale del colosso svizzero Ubs .

A Milano, dove l’indice Ftse/Mib ha segnato -0,18%, è sceso tutto il comparto bancario. In rialzo, invece, Finmeccanica in attesa dei dati che saranno diffusi a Borsa chiusa e Fca dopo le immatricolazioni in Europa. Bene Eni che ha beneficiato del giudizio positivo del Credit Suisse mentre Luxottica ha risentito dell’opinione negativa di Exane.

New York giù
Wall Street ha aperto in calo in attesa della Fed. Nel frattempo gli operatori studiano i dati macro usciti oggi. La componente core dei prezzi al consumo sopra le stime e l'avvio di nuovi cantieri in netta ripresa giustificano un'azione da parte della Fed, che comunque ribadirà un concetto ormai noto: la sua politica dipende dai dati macroeconomici. La produzione industriale a febbraio, intanto, è scesa più delle stime. Il mese scorso, invece, i nuovi cantieri edilizi sono cresciuti del 5,2%, meglio delle attese (+4,5%). In calo invece i permessi edilizi (-3,1%). 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.