Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

ITForum, guarda le video interviste

Online le interviste realizzate da Morningstar durante la fiera sul trading e sul risparmio tenutasi a Rimini lo scorso 21 e 22 maggio.

Morningstar 18/06/2015 | 00:16

Abbiamo realizzato una serie di video interviste ai protagonisti dell’ITForum di Rimini, il più importante evento italiano dedicato al risparmio gestito e al trading online, in cui si sono confrontati gestori, economisti, consulenti, docenti ed esperti di finanza.

Numerosi i temi affrontati. Tra gli altri, la situazione dei mercati europei e di Piazza Affari, le materie prime su cui puntare nel 2015, le prospettive per la consulenza indipendente e per le reti di promotori, il rapporto tra tecnologia e finanza, i pericoli e i vantaggi dell’investimento fai-da-te e la finanza comportamentale.

Qui di seguito i link alle varie interviste, che saranno aggiornati man mano che i video verranno pubblicati:

Il Qe non basta, serve flessibilità
Philippe Aghion (docente ad Harvard ed economista vicino a François Hollande) boccia l’austerità e afferma che l’Europa ha bisogno di riforme strutturali per generare quella “creazione distruttrice” che chiamiamo innovazione. Promuove il Jobs Act e bacchetta la Francia. 

Sì al fai-da-te, no all’improvvisazione
Per Gabriele Bellelli (trader e consulente indipendente) bisogna occuparsi in prima persona dei propri risparmi, ma è un cammino da fare a piccoli passi. E spiega le tecniche per costruire un portafoglio a capitale garantito.

Soft commodity, qualcosa si muove
Maurizio Mazziero crede nella ripresa delle materie prime agricole, ma ci vuole prudenza. Se l’oro sfonda quota 1.300 $ diventa interessante. E l’Italia resta su un equilibrio precario.

Mifid II, le reti sono pronte
Per Marco Tofanelli (Assoreti), il termine “promotore” non corrisponde più all’attività svolta, dove ormai la consulenza è centrale. E i cambiamenti normativi sono stati ampiamente anticipati.

La ricchezza cinese aiuterà l’Europa
Secondo Filippo Casagrande (Generali Investments Europe), il “wealth effect” potrebbe avere ricadute positive sui mercati del Vecchio continente. E tra gli emergenti, piacciono i paesi che si riformano.

Italia, il peggio è passato
Secondo Bruno Rovelli di BlackRock, il rally di mercato dell’Eurozona non è finito e in futuro sarà guidato dal miglioramento del ciclo economico. In Piazza Affari, le opportunità sono superiori ai rischi.

Tassi, gli Usa non hanno fretta
Per Carlo Alberto De Casa (ActivTrades), alzare i saggi di riferimento significa rafforzare il dollaro contro l’euro e gli americani difficilmente ci faranno questo regalo. Il mercato valutario ha già scontato il Qe europeo.

Fondi, il futuro è in Borsa
Per Davide Pasquali (Pharus Sicav), la quotazione dei comparti aperti, partita lo scorso dicembre, permette di abbattere le barriere d’ingresso e di raggiungere tutti gli investitori.

L’Europa può correre ancora
Michael Clements (SYZ AM): euro debole, petrolio meno caro e Qe spingeranno ancora i mercati del Vecchio continente. Con un orizzonte temporale medio-lungo si possono anche fare scommesse contarian. Come la Russia.

L’investitore è davvero al primo posto?
Secondo Matteo Cassiani (gestore Mps e presidente CFA Society Italy) si dovrebbero allineare gli interessi dei professionisti e quelli del cliente. Grazie alla nuova normativa e al contesto di mercato, si sono fatti passi in avanti.

Alla ricerca di un beta diverso
Per Antonio Sidoti (WisdomTree Europe), il mercato degli Etp continuerà a crescere grazie alla capacità di questi strumenti di giocare più ruoli in portafoglio. E gli indici strategici non devono essere per forza complessi.

Le emozioni in portafoglio
Secondo Enrico Maria Cervellati (docente all’Università di Bologna ed esperto di finanza comportamentale), i rally di mercato spingono gli investitori ad avere troppa fiducia nelle loro capacità.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Morningstar  

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar