VIDEO: La “macrotrinità” che sostiene l’Eurozona

Per Garcia Zarate (Morningstar) ci sono tre elementi che hanno garantito la forte crescita dei mercati europei, ma i problemi strutturali restano.

Holly Cook 04/03/2015 | 17:33
 

Holly Cook: Buongiorno e benvenuti. È arrivato il momento di fare il nostro check-in trimestrale sulla zone euro con Jose Garcia Zarate, fund analyst ed economista di Morningstar. Grazie Jose.

Jose Garcia Zarate: Buongiorno.

Cook: Dunque, per contestualizzare quello che sta succedendo nella zona euro e nel Regno Unito al momento, bisogna dire che sei mesi fa eravamo tutti molto negativi, eppure tra la fine del 2014 e l’inizio del 2015 abbiamo visto delle performance davvero buone in molti mercati europei, con l’eccezione della Svizzera. Che cosa è cambiato?

Zarate: Tre elementi chiave che non apparivano sei mesi fa. In primo luogo, il crollo dei prezzi del petrolio; secondo, l’attivismo monetario della Bce, non solo nel portare i tassi a un livello vicino allo zero, ma anche approvando un programma molto ambizioso di allentamento quantitativo; e il terzo, che è stato anche molto strumentale, è stato il deprezzamento dell’euro rispetto alle principali monete di scambio, il che ha fornito un particolare impulso agli esportatori.

E questi tre elementi chiave - che mi piace definire come la “macro trinità” - hanno in qualche modo salvato la situazione. Poiché in realtà la zona euro andava, a metà dello scorso anno, verso un rallentamento economico. La combinazione di questi tre fattori macro, ha evitato una ricaduta nella recessione, francamente.

Cook: E per quanto riguarda la Grecia? Ora che un qualche tipo di accordo - o accordo provvisorio - è stata raggiunto, questo porterà della tranquillità all’interno dell’Eurozona?

Zarate: Sarei molto felice di dire di sì, ma purtroppo non posso. Penso che questa sia una di quelle storie ricorrenti. Se ti ricordi, mi hai intervistato circa sei settimane fa e all’epoca dissi che la spazio di manovra per la negoziazione tra il nuovo governo (davamo per scontato che Syriza vincesse) e l’Ue sarebbe stato molto stretto. E infatti così è stato: l’accordo implica un passo indietro rispetto le promesse che sono state fatte in campagna elettorale da questa forza di sinistra radicale.

Tuttavia, l’accordo è solo per quattro mesi quindi mi aspetto di riparlare della Grecia fra quattro mesi, perché a quel punto verrà affrontato la vera negoziazione del programma.

Cook: Grecia a parte, ci sono altri pericoli all’orizzonte per l’Eurozona? Abbiamo iniziato parlando di effetti positivi; c’è qualcos’altro di cui dovremmo essere preoccupati?

Zarate: Gli effetti positivi ci sono e gli agenti economici dovrebbero davvero cogliere questa opportunità. Si tratta di una combinazione di fattori che si spera permetterà a politici, operatori economici, imprese, consumatori e così via, di fare progetti e portarli avanti.

Rimangono infatti ancora una serie di problemi strutturali in molti paesi. Uno dei principali è ancora l’alta disoccuppazione. I tassi stanno scendendo rispetto a qualche anno fa, ma stiamo ancora parlando di una disoccupazione giovanile intorno al 40-50% in paesi come la Spagna, la Grecia o l’Italia. Non è sostenibile nel lungo periodo, il problema deve essere affrontato.

Cook: Sembra quindi che quando ne riparleremo di nuovo fra tre mesi, la Grecia sarà ancora in cima all’agenda...

Zarate: Direi di sì.

Cook: E guarderemo con attenzione a questi altri fattori economici.

Zarate: Certo.

Cook: Grazie Jose.

Zarate: Grazie a te.

Cook: Per Morningstar, sono Holly Cook. Grazie per l’attenzione.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Holly Cook

Holly Cook  is Managing Editor of Morningstar.co.uk

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar