Per continuare ad usare il sito, devi abilitare i cookies. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla nostra policy relativa ai cookie e sul tipo di cookies che usiamo. Accetto i Cookies
Morningstar Help
Posso richiedere consigli d'investimento?
Morningstar è un fornitore indipendente di servizi e sul nostro sito internet puoi trovare notizie e analisi approfondite, strumenti e informazioni che ti aiutano a prendere le tue decisioni di investimento. Morningstar non fornisce consigli finanziari.
Perché non riesco a trovare un fondo sul sito?
Morningstar.it mostra i fondi registrati per la vendita in Italia. Se il fondo che stai cercando è registrato e disponibile alla vendita in Italia, ma non lo trovi sul sito, contattaci attraverso il nostro modulo dei contatti, inserendo il nome e il codice ISIN del titolo che stai cercando. 
Come posso richiedere l'inserimento di un fondo nel database di Morningstar?
Morningstar.it mostra i fondi che sono autorizzati alla vendita in Italia. Puoi segnalare un fondo ancora non presente sul nostro sito attraverso la pagina "Contatti".

Ricorda di comunicare tutte le informazioni rilevanti, ossia:
  • Nome
  • Codice ISIN
  • Domicilio
  • Universo (es: fondo aperto, fondo pensione, Etf, ...)
  • Data di lancio
  • Ultimo prospetto
Una volta ricevute queste informazioni, passeremo la tua richiesta al nostro Data Team.
Come posso richiedere l'aggiornamento di informazioni che riguardano un fondo?
Per richiedere l'aggiornamento dei dati di un fondo, ti preghiamo di mandarci una richiesta, con le informazioni da cambiare, utilizzando il nostro modulo contatti. Ti chiediamo anche ti inserire il link della scheda del fondo che desideri aggiornare.
Perché la Morningstar Style Box del mio fondo differisce dalla sua categoria?
Potrebbe esserci una discrepanza fra questi due indicatori di stile di investimento perché prendono in considerazione diversi periodi temporali. La Style Box vuole essere una sorta di fotografia del portafoglio di un fondo in un determinato momento e riflette soltanto gli asset inseriti nell’ultimo mese in base alle informazioni fornite a Morningstar. La categoria di un fondo, invece, vuole essere una raccolta di fondi concorrenti nei quali i portafogli possono essere confrontati nel lungo periodo ed è basata su dati di portafoglio ottenuti negli ultimi 3-5 anni. Da tutto questo deriva che una discrepanza fra la style box di un fondo e la sua categoria indica un cambiamento dello stile di investimento che potrebbe (ma non è detto) essere temporaneo. Quando si fanno confronti sulle performance storiche noi suggeriamo di usare la categoria Morningstar, mentre per determinare lo stile di investimento più utilizzato da un fondo consigliamo di osservare la Style Box.
Quali asset sono compresi in ciò che nell'asset allocation del portafoglio viene denominato "Altro"?
L'allocation "Altro" è un insieme residuale che comprende:
  • Fondi/Etf senza sottostante o non censiti
  • Titoli non riconosciuti dal nostro sistema perchè o non censiti o riportati incorrettamente dalla società
  • Real estate (asset immobiliari)
  • Obbligazioni convertibili
  • Commodity
  • Derivati 
Alcune di questi strumenti sono rintracciabili mediante i Raggi X (sotto l'offerta Premium), all'interno della ripartizione dei settori obbligazionari (come per esempio i derivati e le obbligazioni convertibili).
Come sono calcolati i rendimenti dei fondi?
I rendimenti dei fondi riportati nel sito sono sempre:
  • Espressi in Euro (per fondi denominati ad es. in USD viene pertanto tenuto conto della variazione giornaliera del tasso di cambio).
  • "Total Return". Sono quindi computati sia il rendimento in conto interessi (cedole), sia il rendimento in conto capitale (variazioni di prezzo). Lo stacco cedola va dunque a sommarsi alla variazione giornaliera di prezzo.
  • Al netto delle commissioni di gestione.
  • Al lordo delle imposte su dividendi e capital gain.
Come sono calcolate le commissioni dei fondi?
I dati sulle commissioni sono raccolti dalla documentazione legale del fondo o forniti direttamente dalla società di gestione. Le commissioni visualizzate sono quelle massime applicabili da parte della società. Il valore effettivamente applicato può essere minore o addirittura nullo a seconda del paese e della modalità di sottoscrizione del fondo.
Come e quando avviene l'aggiornamento dei Nav dei fondi?
Gli aggiornamenti dei prezzi avvengono in linea con la frequenza e il ritardo programmato stabiliti dalla società di gestione del fondo. La frequenza di prezzo dei fondi può essere giornaliera, settimanale o mensile (come nel caso dei fondi pensione). Il ritardo programmato da parte della società nella comunicazione del prezzo può variare da zero a più di due giorni lavorativi. L'eventualità che il prezzo del fondo possa risultare visibilie sul sito della società di gestione e non sul sito Morningstar.it può essere imputabile alle tempistiche di invio dei dati impostate dalla società di gestione, così come dai tempi tecnici necessari per la replica del dato all'interno del sito una volta ricevuta l'informativa, a meno di eventuali problemi tecnici in fase di aggiornamento.
Cos'è lo Yield a 12 mesi?
Lo Yield a 12 mesi è calcolato come somma dei dividendi pagati dal fondo negli ultimi 12 mesi, diviso l'ultimo Nav disponibile. Pertanto, è da intendersi come dato percentuale. Può accadere che un comparto, pur essendo denominato a distribuzione, non distribuisca alcun dividendo in presenza di determinate condizioni di mercato: in tal caso il relativo campo riporterà il dato pari a zero. Ciò dipenderà dalla politica seguita dalla società di gestione. Attualmente non è possibile effettuare una ricerca dei fondi per questo parametro, mentre è possibile ordinare le azioni per dividend yield attraverso la pagina "Classifiche".
Cosa sono le classi "Hedged" dei fondi?
La classe "Hedged" (letteralmente coperta) prevede una copertura dal rischio di cambio, allo scopo di preservare i rendimenti dalle fluttuazioni tra la valuta di riferimento e le diverse valute in cui sono denominati i titoli sottostanti il fondo. Laddove possibile, Morningstar dedica alle classi "Hedged" specifiche categorie per favorire un confronto tra prodotti con questa comune caratteristica al fine del calcolo del Morningstar Rating.
Dove trovare i documenti dei fondi?
La documentistica ufficiale dei fondi è disponibile in formato Pdf nella sezione "Documenti", nella colonna a sinistra della scheda del fondo.
Perchè non sono presenti i dati di portafoglio di alcuni Etf?
Gli Etf non sono tutti uguali. Alcuni impiegano la replica sintetica (oppositamente a quelli a replica fisica), una strategia che prevede l'utilizzo di contratti derivati (spesso Total return swap) per replicare il proprio indice di riferimento.

Per questa tipologia di Etf, la mancanza o la non coerenza del dato di portafoglio è imputabile principalmente al tipo di accordi stipulati tra Morningstar e gli Index Providers e ai dati che la società emittente comunica a Morningstar (in alcuni casi inviando il portafoglio del replicante, in altri quello del collaterale).  
Che differenza c'è tra Rendimento Totale (Total Return) e Rendimento Personale (Investor Return)?
Il Rendimento Totale (Total Return) si riferisce all'aumento o alla diminuzione del valore di portafoglio in un determinato intervallo di tempo. Al contrario, il Rendimento Personale (Investor Return) prende in considerazione le transazioni finanziarie (di acquisti e/o di vendita di quote o azioni) effettuate durante quello stesso intervallo di tempo guardando al timing dell'investimento. Comparando le due misure si ha un'idea di quanto efficace sia stata la tempistica delle operazioni in uscita o in entrata. Qualora non ci siano transazioni, le due misure andrebbero a coincidere. I due valori vengono impiegati nell'industria per calcolare i rendimenti effettivi ottenuti dagli investitori (tenendo conto dei flussi in entrata e uscita) o i rendimenti generati dai gestori. Per approfondire l'argomento, leggi qui.
Cos'è il Dividend Yield Factor?
Il Dividend Yield Factor per Etf e fondi è calcolato come media ponderata (per il peso di ciascun titolo in portafoglio) dei dividendi pagati da tutte le azioni nel portafoglio sottostante.
Cos'è la Maturity effettiva?
Per maturity effettiva si intende la media ponderata (per il peso in portafoglio di ciascun titolo) delle scadenze dei bond in portafoglio. Questa misura può variare e subire correzioni a seconda della presenza di tipologie particolari di strumenti a reddito fisso (per esempio bond cosiddetti callable o puttable)
Cos'è la Duration?
La duration è un dato che interessa i fondi obbligazionari. Il dato riunisce in un unico valore la durata o scadenza media di un titolo obbligazionario e la ripartizione dei pagamenti derivanti dal fondo. Per maggiori informazioni leggi la voce "Duration" nel Glossario del sito. Guardare alla duration è un metodo efficace per comparare obbligazioni di tipologia simile, non per bond molto diversi tra loro (come quelli strutturati callable o puttable) o per fondi dalle variazioni molto ampie e differenziate rispetto alle scadenze. Possono anche esistere fondi con una duration negativa: ecco perchè talvolta i gestori dei fondi utilizzano dei derivati per esporsi ai rialzi e ai ribassi dei tassi di interesse, o nella maggior parte dei casi, contratti future su obbligazioni governative. In particolare, acquistando un future su un treasury americano si ottiene più o meno la stessa esposizione alle variazioni dei tassi che si otterrebbe acquistando il treasury sottostante stesso. Vendendo invece il future, si ha un'esposizione ai tassi d'interesse inversa a quella del sottostante (ossia si ottiene profitto dal rialzo dei tassi d'interesse). Pertanto, se un fondo vende un numero sufficiente di contratti future su obbligazioni governative, può manipolare il valore della duration fino a renderlo negativo.
Cos'è l'Information Ratio?
L'Information Ratio è una misura dei rendimenti aggiustati per il rischio, simile all'indice di Sharpe. Consiste nella capacità del gestore di sovraperformare il benchmarke, mettendo in rapporto i rendimenti eccedenti l'indice di riferimento e il relativo tracking error, laddove quest'ultimo misuri la volatilità dei rendimenti differenziali rispetto al benchmark.